Sanità Campana e non: Il tragico epilogo

0
357

La grave crisi economica e la politica dei tagli nel settore sanitario, stanno comportando pesanti ricadute sulla sanità pubblica.

A Napoli stanno chiudendo il reparto di pediatria e terapia intensiva dell’Ospedale Annunziata.

Purtroppo il caso non è isolato. La sanità pubblica è in crisi sotto ogni fronte. L’ospedale Cardarelli, ad esempio, è sprovvisto di spazio e spesso i letti e le barelle sono posizionate nei corridoi.  

La stessa situazione, oltre a Napoli, la vive la città di Roma. Stanno avvenendo delle rivolte presso la Fondazione Santa Lucia,

L’ospedale sopracitato si occupa, principalmente, della riabilitazione neuromotoria e dei pazienti affetti da lesioni al sistema nervoso. A sue spese è stato attuato un piano di recupero economico dal momento in cui la regione Lazio, nel lontano 2009 è precipitata in un abisso finanziario. 

Per rientrare dal bilancio la regione Lazio deve limitare le spese soprattutto nella sanità. Non usa mezzi termini Carlo Di Giusto, dirigente della sezione sportiva della Fondazione Santa Lucia: “In sostanza ci dicono che la nostra è eccellenza, ma che la grande qualità dei nostri servizi è insostenibile dal punto di vista economico e che se vogliamo andare avanti dobbiamo ridurla: in questo modo però non si darà più la possibilità di continuare il lavoro in quei settori che hanno fatto del Santa Lucia un centro di eccellenza“.

http://www.hsantalucia.it/

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteExpected Goals di Napoli – Bologna
Articolo successivoFaida di droga a Nocera, indaga l’antimafia
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO