Reti bianche al Manuzzi: tra Salernitana e Cesena è 0-0

0
171

Nell’anticipo della quinta giornata del campionato di serie B la Salernitana di Sannino impatta contro il Cesena allenato da Massimo Drago.

Tarda ancora ad arrivare la prima vittoria della Salernitana in questo avvio di  campionato 2016/2017: i Granata infatti , presentatisi al cospetto dei bianconeri con un 11 titolare completamente diverso dal solito, non vanno oltre uno 0-0 che, per il gioco mostrato, sa più di conquista che di perdita. Prima partita senza prendere gol per la squadra Campana, il che è un grande passo in avanti soprattutto tenendo conto della quantità di reti subite in casa contro il Vicenza. L’attacco, orfano di Coda e Donnarumma, ha però mostrato dei limiti imbarazzanti in fase offensiva. Joao Silva e Rosina, oggi terminali offensivi di un 3-5-2 diventato poi 4-3-3 (con l’aggiunta di Improta nel tridente) e successivamente 4-3-2-1 (con Rosina arretrato sulla trequarti) hanno concretizzato poco e nulla, lasciando la scena agli attaccanti del Cesena. I padroni di casa hanno nettamente avuto il mano il pallino del gioco, rischiando più volte di passare in vantaggio grazie al hombre del partido, Milan Djuric: sponde, veli, aperture e pressing per un attaccante che per la categoria è decisamente superiore. Uno che non fa dei gol la propria specialità, ma che fluidifica la manovra offensiva della squadra e che fa tanto lavoro sporco in mezzo al campo. Il Cesena ha poi saputo sfruttare, più della Salernitana, le corsie esterne grazie alle progressioni velenose di Renzetti e Garritano sulla sinistra e Balzano e Di Roberto sulla destra.

immagini-quotidiano-net

Il match inizia subito con due squilli del Cesena che si rende pericoloso con Di Roberto, che costringe Terracciano ad una parata impegnativa con un tiro dalla distanza, e con Djuric che, pescato in area da Salzano, improvvisa un tiro al volo che finisce di poco al lato. Il Bosniaco ci riprova 4 minuti più tardi, al 14′, con una semirovesciata al volo che arriva tra le braccia di Terracciano. Al 20′ di nuovo il numero 18 che, però, di testa manca di poco il bersaglio. Dopo il 25′ i ritmi frenetici si affievoliscono fino al rientro delle squadre negli spogliatoi. Nel secondo tempo la storia è sempre quella: la Salernitana prova ad affacciarsi dall’altra parte del campo ma a fare la partita sono gli uomini di Drago che ci provano insistentemente con i propri terminali: al 54′ a Di Roberto viene negata la gioia dell’1-0 grazie ad un intervento in extremis di Vitale e Terracciano. All’88’ Cinelli prova a sorprendere il numero 1 Granata con un tiro potente partito in area di rigore, ma viene murato dal compagno Panìco. A 10 secondi dalla fine gli ospiti provano a rendersi pericolosi con un contropiede innescato da Rosina che spreca facendosi sottrarre il pallone.

Il triplice fischio mette fine ad una partita a tratti dominata dal Cesena e a tratti molto noiosa. I Romagnoli si portano a 5 punti mentre i Campani a 3 con solo 3 pareggi, due sconfitte e ancora nessuna vittoria all’attivo. Da queste prime cinque giornate traspare che i Granata non hanno ancora un gioco, i problemi dell’anno scorso non sono passati con il cambio di gestione, la panchina di Sannino scricchiola sempre di più e i tifosi, sentendosi offesi dalle prestazioni della propria squadra, iniziano a rumoreggiare.

Vincenzo Marotta

CONDIVIDI
Articolo precedenteLampedusa, la miniserie oltre le barriere
Articolo successivoNapoli: Prima unione civile
Nato a Salerno il 21/12/1995, diplomato al liceo classico Francesco De Sanctis di Salerno. Attualmente studia presso la facoltà di Scienze Politiche e Relazioni Internazionali dell'Università degli studi di Salerno. Grande appassionato di calcio, italiano e internazionale.

NESSUN COMMENTO