Intervista con Walter Schiavella: ”La Cgil Napoli deve essere presente nel centro storico e nei quartieri più difficili”

0
910

Walter Schiavella, ex segretario generale Nazionale della Fillea, da qualche mese è il nuovo Commissario straordinario della Cgil Napoli. Libero Pensiero News, lo ha incontrato, IN ESCLUSIVA, per una chiacchierata su diversi temi. Di seguito l’intervista:

Commissario Shiavella, senza tornare sui mesi che hanno portato al commissariamento, le chiedo dove dovrà maggiormente intervenire?
Il nostro è un lavoro collettivo che sto portando avanti con il commissario regionale e il protagonismo del gruppo dirigente della Cgil Napoli. Il compito è difficile, ma possibile, anche grazie al lavoro svolto nei 6 mesi del commissariamento precedente. Bisogna ripartire da una maggiore presenza anche fisica della camera del lavoro metropolitana nel centro storico di Napoli e nei quartieri difficili della periferia. C’è bisogno di rimettere insieme idee ed elementi effettivi di condivisione. Stiamo mettendo giù un nostro programma autonomo sul quale stiamo lavorando poiché solo il recupero di un punto di vista autonomo e programmatico della nostra soggettività sociale, ci consente di far leva sull’autonomia della confederazione come sintesi delle soggettività delle singole esperienze di categoria, delle realtà sociali che trova espressione in un progetto con quale ci si misura con le istituzione e la politica

Una grande novità della Cgil è la Carta dei Diritti dei Lavoratori
Il progetto per il mezzogiorno al quale vogliamo concorrere per lo sviluppo del paese ha altri capisaldi nella Carta dei diritti universali del lavoro che affronta il tema dell’universalità dei diritti e quindi declina il tema dell’uguaglianza in termini di accesso e fruizione effettiva dei diritti nel lavoro di oggi che non è il lavoro della grande fabbrica fordista (che comunque non è del tutto scomparso), ma è lavoro che si sviluppa nei nuovi settori dell’economia, così come nell’addizionale, ma in forme nuove e diverse, più precarie che da un lato vanno contrastate e dall’altro vanno azzerate. Il lavoro deve esserci e va creato e per essere lavoro di qualità deve corrispondere ad un’ idea di crescita, di sviluppo e di qualità

La Cgil deve però tornare a rappresentare il mondo dei precari ..
La situazione specifica nella città di Napoli rispecchia un quadro generale, nel quale in questi ultimi anni ci siamo più volte interrogati, innanzitutto su come interpretare, rappresentare e tutelare il lavoro nelle sue trasformazioni. Non è gestibile una scelta di negazione, una realtà che oggi è trasformata, così come non ci può essere una scelta di rassegnazione ed accettazione dell’ineluttabilitàw di quella che oggi è la condizione del lavoro. Immaginare di affrontare il tema della rappresentanza e dell’interesse di quei lavori nel nuovo rapporto di quelle realtà come i vecchi sarebbe una cosa sbagliata. La Carta serve a mettere a sistema, quanto in parte si è già fatto, ma il tema è come rapportarsi con queste realtà. Dobbiamo affrontare le nuove trasformazioni di carattere organizzativo e tradurle in azione vertenziale complessiva, senza alcuna preclusione. Non esiste alcuna ricetta prestabilita se non quella di reinsediarci nei luoghi del lavoro

La sua idea su Bagnoli?
Bisogna creare un progetto condiviso. Non si tratta di riproporre stanchi riti concertativi, bensì un idea. Si deve condividere una prospettiva, un indirizzo. Il tema non è dare spallate a quello o a quell’altro. Non è immaginabile un conflitto istituzionale di quelle dimensioni. Va superato. Nel caso specifico di Bagnoli è evidente che ci si è trovati in una forma di inefficienza pazzesca e di ritardi da parte dei soggetti che erano demandati a svolgere il ruolo della bonifica del sito. A fronte di quei ritardi, il commissariamento è stata una sferzata che può e deve essere completata in questi termini per la parte relativa alla bonifica. E’ ovvio che quando il tema bonifica sarà superato nei prossimi mesi e si parlerà del destino urbanistico e produttivo di Bagnoli in un contesto più ampio, il pallino se si vorrà mantenere uno strumento commissariale, mi chiedo per quale motivo il commissario non potrà essere lo stesso sindaco di Napoli e metropolitano

I rapporti tra la Cgil Napoli e il comune di Napoli?
Non abbiamo subalternità, né alcun pregiudizio. Ci misuriamo in base alle cose che abbiamo da fare. Non possiamo non interloquire con un soggetto istituzionale, quale il comune di Napoli e la Città metropolitana con le nostre idee e cercando, naturalmente di individuare nuove convergenze per i mesi che verranno su diverse partite. Ci siamo già incontrati con il comune di Napoli e il primo riscontro è stato abbastanza positivo. Abbiamo individuato 4 focus sui quali ci confronteremo costantemente con l’area metropolitana: trasporto pubblico locale, sistema delle infrastrutture, igiene ambientale e le politiche fiscali e sociali. Questi 4 tavoli si apriranno a breve e determineranno la qualità del futuro dei rapporti con l’amministrazione comunale.

Quali saranno i rapporti della Cgil Napoli con l’Uds/Link e l’Udu, quest’ultima ha un patto di lavoro nazionale con voi
Uds e Udu saranno sicuramente nostri interlocutori. Cercheremo al più presto di incontrarci con queste associazioni per un rinnovato rapporto di collaborazione

Pasquale De Laurentis
p.delaurentis@liberopensiero.eu

CONDIVIDI
Articolo precedenteConvoglio di aiuti umanitari bombardato: Siria ancora nel mirino
Articolo successivoLaserWAN, il progetto di un 16enne contro il Digital Divide
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO