Cari fan, in questa puntata di Fantabreak, vi parliamo di come è mutato l’arrivo dei bonus. Il calcio italiano, da sempre famoso per la compattezza del centrocampo e per il gioco lungo le vie centrali, da qualche anno è mutato grazie al bel gioco mostrato dalla Juventus di Conte. Nell’imporre la sua squadra a capo della Serie A, infatti, il tecnico Salentino ha fatto sviluppare alla massima potenza il gioco sulle fasce creando l’ormai fortissima corazzata bianconera, obbligando anche colui che lo ha sostituito, Max Allegri, a non cambiare il consolidato impianto dei pentacampioni. Infatti il livornese, che ha ottenuto numerose vittorie con lo schema ad albero di Natale sia in rossoblu che in rossonero, arrivato alla Juve, ha optato per non cambiare un gioco già consolidato sulle corsie laterali. Questa Juve è stata creata da Conte ma chi ha realmente portato in Serie A il frequente utilizzo degli esterni è stato Mazzarri ai tempi iniziali del suo Napoli, ereditato nelle strutture fondamentali da Benitez e, infine, da Sarri. Quest’idea di gioco ha fatto eccellere fantacalcisticamente svariati esterni, partendo da Maggio, uno dei primi grazie proprio a Mazzarri ai tempi della Sampdoria, che schierandolo come esterno di centrocampo, spesso lo portava in zona bonus. Mettendo da parte vecchi esempi, arriviamo ai nostri giorni, dove il già citato Conte imponendo un forte gioco sugli esterni ha convinto un po’ tutti, rafforzando le idee di chi da sempre ha insistito sugli esterni come Spalletti, che utilizza in tal senso la velocità di  Momo Salah, che viaggia con un gol ogni due partite e medie più che sufficienti. Lui è un’ala d’attacco ma di esempi come lui, nei reparti arretrati, la Serie A ormai ne è piena. Basti pensare ai tanti difensori, che viaggiano come treni sulle fasce per collezionare bonus. Uno fra tutti è il terzino partenopeo Faouzi Ghoulam, fondamentale, sì, in fase difensiva, ma in particolar modo in fase di spinta riuscendo spesso a raggiungere il fondo del campo e inventare assist per la prima punta. Non solo terzini ed ali offensive, ma anche esterni di centrocampo come Suso e Bonaventura che in questo primo scorcio di campionato hanno più volte innescato il killer istinct Carlos Bacca, ottenendo bonus per i fantallenatori. A conferma di ciò vi proponiamo la solita vignetta di Savio, per spiegarvi graficamente come viaggiano attualmente i bonus. bonus-treni

Buon Fantabreak a tutti ed appuntamento a sabato con i consigli.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli: partita avvincente ma col Genoa è 0-0
Articolo successivoCongo: morti e feriti dopo gli scontri nella capitale, Kabila sotto accusa

Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto.
Ho frequentato le scuole presso l’istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all’istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt’ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale.
Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico.
Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l’ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.