Fantabreak: se sbaglio mi corrigerete

0
171
Fantabreak

Cari fan, dedichiamo questo commento ad uno dei giocatori attualmente più incisivi del nostro campionato: Arkadiusz Milik. Il 22enne Polacco, giunto questa estate dall’Ajaxha viaggiato fino alla scorsa settimana con la media di un gol a partita contribuendo in maniera decisiva alle prime vittorie stagionali dei Partenopei. Nonostante il ragazzone di Tychy non sia riuscito a sporcare il tabellino nelle ultime due uscite, ha comunque fatto la sua figura in campo, lavorando molto di squadra, alzandone il baricentro, pressando gli avversari e creando disturbo nella loro organizzazione offensiva. Mai avulso o estraneo al gioco, le sue prestazioni da leader ed estremamente combattive gli sono valse medie esorbitanti: l’ex Ajax viaggia, infatti, con una mediavoto di 6,7 e una fantamedia di 9,1. Il suo grande lavoro si nota anche in fase di disturbo della manovra avversaria, dando fastidio al portatore di palla. Ma Arkadiusz il perdono lo merita sempre, perché da buon polacco spera in una nostra correzione ipotizzando questa frase pronunciata da un suo noto connazionale: “Se sbaglio mi correggerete”. Tralasciando aulici esempi, dalla sua giocano la tenacia e la correttezza, ma comunque meritevole della correzione che arriva dal capo (Sarri) che lo relega in panchina dopo una partita (quella col Genoa) in cui il 99 non ha inciso come avrebbe dovuto, dando spazio a chi da noi già fu premiato in quanto panchinaro illuminato, Manolo Gabbiadini, che infatti sblocca il match al 24’. Al 64′ Arek entra in campo sperando che la corrizione sia arrivata e che essa frutterà in previsione Champions, come sempre concludiamo offrendovi la solita vignetta di Savio, in cui Arkadiusz cerca scuse, e manifesta una certa somiglianza con chi prima catechizzò l’Italia, sperando che lui possa catechizzare il fantacalcio.

milik-papa

Buon Fantabreak a tutti, ed appuntamento ai prossimi consigli come apertura del mese entrante.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli: Nasce lo sportello per persone transessuali
Articolo successivoAung San Suu Kyi all’ONU: “cerchiamo una soluzione che porterà alla pace”
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO