Grassia: Confiscati i suoi beni

0
216
grassia

Nelle ultime ore, la Direzione Investigativa Antimafia di Napoli sta ultimando l’esecuzione di un decreto sulla confisca di beni. Si tratta di società e fabbricati appartenenti all’imprenditore edile aversano Francesco Grassia, ritenuto dagli inquirenti vicino al clan dei casalesi.

Il provvedimento è stato emanato dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. La somma dei beni di Grassia- i quali erano stati già sottoposti ad un sequestro nel 2015 – ammonta a 11milioni di euro e sono situati nel casertano. 

L’imprenditore fu arrestato nel giugno del 2000 con l’accusa di associazione per delinquere di stampo mafioso, aiutando, il clan Zagaria in traffichi illeciti.  Grassia, infatti, forniva appoggio agli affiliati del clan:riscuoteva il pizzo, ne amministrava i proventi e poi li investiva in attività per conto loro, inoltre, importava armi provenienti dall’ex- Jugoslavia di ogni tipo come ad esempio fucili a pompa, bombe a mano e mitragliatori silenziati.

Le conferme delle attività illegali compiute da Grassia sono state accertate da molti collaboratori di giustizia, in particolare dal pentito De Simone.

La camorra qui ha perso!

 

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedente“Il segreto di Pulcinella”: primo docu-film sulla Terra dei Fuochi
Articolo successivoI 5 Operai licenziati dalla Fiat sono stati reintegrati
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO