Scugnizzo Liberato: Un anno dopo

0
297
scugnizzo liberato
scugnizzo liberato

Napoli. Il 29 settembre del 2015 l’ex carcere Filangieri, situato in via Salita Pontecorvo, veniva occupato. Nasce lo Scugnizzo Liberato. Un anno ricco di attività, eventi e lotte.

Lo Scugnizzo Liberato nasce come riappropriazione dal basso grazie alla partecipazione attiva dei cittadini. Il 29 settembre è una data storica per la città, fu l’inizio delle Quattro Giornate di Napoli.

L’edificio nasceva come convento delle Cappuccinelle. Divenne, poi, un carcere minorile ma con il tempo si trasformò una sorta di orfanotrofio. I ragazzini che risiedevano all’interno, scapparono per unirsi alla resistenza napoletana contro l’opposizione dei nazisti.

Lo Scugnizzo Liberato è un luogo di storia, un posto che collega il passato con il presente senza danneggiarlo. All’interno si respira una bella aria. Politica, socialità e cultura fanno da cornice.

Lo Scugnizzo Liberato ha donato ai ragazzi del quartiere un posto dove poter esprimere se stessi attraverso una serie di attività. All’interno del cortile vi sono delle rampe per poter fare skate. Negli spazi ancora non occupati, si creeranno delle botteghe di pittura, scultura, falegnameria e oreficeria. E’ stata inaugurata l’aula studio e la biblioteca.

E’ nata, anche, la mensa popolare. Creata grazie all’aiuto dell’associazione Napoli Insieme. Numerosi i corsi – rigorosamente gratuiti – di italiano, pittura e ceramica.  All’interno di questo quadro si inerisce il supporto ai migranti e una palestra popolare dotata di corsi di difesa e allenamenti liberi di arti circensi.

In questo primo annoi di vita i ragazzi dello Scugnizzo sono riusciti anche a riattivare il teatro che fu ideato da Eduardo De Filippo.

14509366_1439747056039542_425757672_n 14522061_1439746989372882_963608990_o 14536840_1439747002706214_1270756901_o

 

https://www.facebook.com/ScugnizzoLiberato/?fref=ts

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedenteCzarny Protest: dove sono gli italiani?
Articolo successivoReferendum, De Magistris: “No a disegno autoritario”
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO