Napoli – Stamane gli uffici del Comune sono stati occupati.

Otto sono gli uffici del Comune di Napoli che sono stati occupati tra il secondo e il terzo piano, vicino al Municipio. Tantissimi manifestanti, operatori socio.assistenziali nelle scuole e tanti attivisti di comitati e movimenti per l’emergenza casa, numerose famiglie con bambini piccoli hanno protestato. Motivo dell’occupazione è il mancato rispetto dell’impegno preso dal Comune di Napoli e in primis dal Sindaco Luigi De Magistris sulle politiche abitative.

Affissi sui balconi dell’edificio tanti slogan contro l’amministrazione, ad esempio : “Basta promesse: l’emergenza abitativa non aspetta”.

A questa protesta per l’emergenza casa si è aggiunta anche quella già in atto ieri sera da parte degli operatori scolastici napoletani che lamentano la riduzione dei posti di lavoro, cioè contestano la decisione che hanno preso al Comune di affidare a Napoli Servizi tutte le loro mansioni con una radicale diminuzione dei suddetti operatori che passerebbero da 106 a 10-15.

Sia i comitati per l’emergenza abitativa, sia gli operatori scolastici chiedono di interagire direttamente con il primo cittadino per trovare soluzioni idonee a queste situazioni.

Simona Pietropaolo