Patto per Napoli, c’è l’accordo tra Comune e Palazzo Chigi

0
267

Patto per Napoli: raggiunto l’accordo tra Palazzo Chigi ed il Comune di Napoli; per la firma si aspetta Renzi in Prefettura la settimana prossima.

Roma – È arrivato ieri mattina l’accordo riguardante il Patto per Napoli tra il Comune e Palazzo Chigi. Per la firma, precedentemente prevista per oggi, bisognerà invece aspettare la settimana prossima quando il Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, arriverà in Prefettura a Napoli. Nel frattempo, il Premier ed il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, potrebbero incontrarsi già oggi a Bari in occasione dell’Assemblea Nazionale dell’Anci.

Palazzo San Giacomo ha chiesto di poter concludere l’accordo e firmare nel capoluogo pugliese per rispettare i termini imposti dal Governo ma quest’ultimo ha rifiutato l’offerta specificando che un patto così importante per il Sud non può che essere siglato a Napoli.

Voci di corridoio spiegano che l’accordo è stato trovato anche grazie al fatto che Palazzo Chigi e Comune sono arrivati alla reciproca conclusione che i 308 milioni di euro previsti per la città di Napoli sono soldi nuovi, aggiuntivi, ai quali sono stati già sottratti i soldi per il completamento della metropolitana. Al centro dell’accordo restano, però, anche trasporti e treni insieme alla messa in sicurezza degli edifici pubblici e privati.

“Si sono fatti passi avanti enormi ed ho ragione di ritenere che nelle prossime ore si possa definire la questione, – spiega il sindaco di Napoli Luigi de Magistris – siamo a un passo dalla chiusura di un accordo importante per la città. Siamo riusciti a tenere separata l’autonomia politica di Napoli e il nostro dissenso al Governo Renzi dai tavoli istituzionali in cui bisogna incontrarsi, confrontarsi e comprendere che il linguaggio della concretezza fa parte dell’azione politica di questa città”.

“Nel Patto – continua de Magistris – ci sono risorse aggiuntive rispetto alla programmazione 2014/2020. Abbiamo dimostrato di poter portare a Palazzo Chigi progetti esecutivi, concretezza, credibilità e immediata fattibilità”.

Flora Visone

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli, indennizzo pubblico per le famiglie vittime di camorra
Articolo successivoNemo, nessuno escluso stasera su RaiDue
Flora scrive da sempre perché le riesce meglio che parlare. Studia Lettere moderne e lavora in una ludoteca. Poesia e bambini, due cose che, messe insieme, un po' la vita la migliorano. Non sa cosa vuol fare da grande ma sa quello che non vuole fare: arrendersi ad una realtà che non ti fa regali, dove il futuro tocca andarselo a prendere da soli.

NESSUN COMMENTO