Napoli, fondi per la riqualificazione dei territori

0
289
napoli

Napoli. La giunta comunale ha approvato la variazione del bilancio d’esercizio 2016-2018. I fondi stabiliti saranno destinati alla riqualificazione delle aree metropolitane.

I fondi sopracitati ammontano complessivamente a 10milioni di euro e saranno investiti in infrastrutture, illuminazione e fogne. Il progetto prevede anche la riqualificazione di quartieri come Scampia e Ponticelli.

Salvatore Palma, uno degli assessori coinvolti, in una nota ha spiegato: “Questo provvedimento premia la sana gestione messe in campo dall’Amministrazione de Magistris, che nonostante le notevoli difficoltà che stiamo affrontando con l’applicazione della nuova contabilità, compie un nuovo passo in avanti nella realizzazione del progetto della Città. La nostra maggiore attenzione rimane sulle fasce più deboli della popolazione. Ma è importante non tralasciare gli interventi necessari allo sviluppo economico e commerciale della Città, che attivano un circolo virtuoso di cui poi beneficiano tutti i cittadini napoletani“.

L’assessore Palma sottolinea come questo provvedimento sia rivolto, in particolar modo, alle fasce più deboli. Infatti 1,5milioni di euro saranno destinati alla riqualificazione del complesso del Museo Laboratorio “Città dei Bambini” nel Parco della Villa Romana a Ponticelli. Mentre 600mila euro saranno destinati per gli interventi nelle Vele di Scampia. Particolare attenzione è rivolta all’edilizia scolastica e verrà, inoltre, completata la linea 6 della Metropolitana di Napoli. Verranno terminati i lavori in corso di Via Luca Giordano e del Corso Secondigliano e verrà realizzata la messa in sicurezza del Parco Viviani. Partiranno anche lavori di restaurazione in particolare del Salone delle Colonne presso la Real Cassa della Santa Annunziata, interventi per il Real Albergo dei Poveri e dell’ex convento Gesù delle Monarche. Infine verrà riqualificato il belvedere del Monte Echia e verrà realizzato un impianto elevatore.

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedentePolonia e aborto: per Kaczyński, Czarny Protest a domicilio
Articolo successivoLa Ribalta: a Salerno i diversi volti del teatro
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO