Fantabreak: questione di killer istinct

0
118
Fantabreak

Cari fan di Fantabreak in questa puntata elogiamo un calciatore già oggetto di un nostro commento durante la scorsa stagione, El Peluca Carlos Bacca. Questo nostro commento non si limiterà ad osannare il numero settanta rossonero, ma faremo un confronto con un altro attaccante rossonero, il mattatore della Serie B della scorsa stagione, Gianluca LapadulaQuest’ultimo, rincorso durante il calciomercato estivo da tantissime squadre, ha scelto di accasarsi al Milan, sperando di poter diventare, grazie alla grandissima quantità di reti messe a segno la passata stagione, la punta di diamante dell’attacco rossonero. I presupposti per fare una buona stagione erano tanti, basti pensare anche al costo iniziale di 17 crediti dell’attaccante nelle Fantaliste precampionato, cifra che per un attaccante di grande spessore è di poco valore, ma per chi fa il debutto nella massima serie italiana costituisce un buon biglietto da visita. Non é facile la convivenza con chi viaggia con la media di un gol a partita, ma Montella nel bomber italo-peruviano ci crede, tanto da lanciarlo nel posticipo domenicale Milan vs Chievo, anche grazie al fattore stanchezza che inficia El Peluca a causa degli impegni con la nazionale. L’ex Pescara si sbatte per tutta la partita, fa un bel lavoro sporco utile alla squadra ma non riesce a trovare la via del gol. Una volta sostituito arriva lo smacco: Carlos Bacca, infatti,   sull’1 a 2 per il Milan, entra all’88’ sostituendo Mbaye Niang e, tempo 6 minuti, dal suo destro parte un tiro abbastanza fortunoso, che con netta deviazione di Dainelli si insacca riuscendo in un tempo misero a fare ciò che il povero numero 9  ha provato a fare per tutto il match senza mai riuscirci.

im_milan_udinese_delusione

Beh é proprio il killer istinct che rende perfetti gli attaccanti al Fantacalcio e si spera che Lapadula apprenda dal compagno di squadra quale sia quello giusto per la Serie A. Buon Fantabreak a tutti,  appuntamento ai consigli del prossimo week-end .

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteBenevento, aggressione ai danni dei militanti dell’UdS
Articolo successivoVaccinazioni in calo: cosa si rischia
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO