Cari fan del calcio in tutte le sue modalità, negli scorsi mesi è iniziato il nostro spalleggiamento ad un torneo di calcio amatoriale, la League Parthenope. La competizione iniziava con una prima fase a gironi che poi, a mo’ di competizione europea professionistica, si è evoluta in turni a eliminazione diretta:

Quarti di finale:
Miti vs cavallini fc 4-1
Scopenaghen vs componenti fc 13-1
Poggibonsi vs sc oppiati 3-4
4 reich vs flanagan 1-6

Gli ultimi nominati hanno confermato la loro attinenza al raggiungere punteggi tennistici. Detto ciò si è arrivati ai sorteggi per le semifinali

Miti vs Scopenaghen
Flanagan vs Sc oppiati

Le semifinali e la conseguente finale vedranno i partecipanti quasi con il sangue agli occhi, dato il ghiotto premio che consiste in un viaggio pagato ad Amsterdam. 

Il capocannoniere del torneo resta Canfora della squadra Sc oppiati che raggiunge quota 24 gol e cercherà, nella penultima partita del torneo, di mettere in difficoltà il team Flanagan che, di contro, ha espresso davvero un bel calcio. Le due squadre garantiranno sicuramente un bello spettacolo che noi prometteremo di seguire. Tenendo conto che la finale vedrà la fine solo di questa edizione dal momento che gli organizzatori del torneo, Davide Pisa e Ciro Festa, nel frattempo ha già aperto le iscrizioni per la sessione del torneo invernale, con tantissime novità.

Vi salutiamo ricordandovi che il torneo è in fase di crescita organizzativa ed è in procinto di affiliarsi con altri tornei in Italia. Il creatore della League Parthenope, infatti, tramite i social network, ha contattato gli organizzatori di altri tornei sparsi in giro per l’Italia, con i quali sceglierà una location dove inviare le migliori compagini che si sfideranno in una sorta di torneo d’élite estivo per garantire tanto calcio e divertimento. Forse i vincitori della League Parthenope dopo il viaggio premio ad Amsterdam non arriveranno in forma al mega-torneo, ma garantiranno lo stesso prestazioni ubriacanti e, soprattutto, stupefacenti.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteGastrodia kuroshimensis, il fiore che non sboccia mai
Articolo successivoBuffon, quattro miracoli e un funerale

Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto.
Ho frequentato le scuole presso l’istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all’istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt’ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale.
Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico.
Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l’ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.