Luigi Felaco: Riqualificare gli spazi verdi nelle scuole

0
374
spazi verdi

Napoli. Tra le varie mancanze di cui soffrono le scuole del territorio, una è indubbiamente la totale assenza di spazi verdi all’interno e all’esterno degli edifici scolastici.

Alcune scuole sono munite di spazi verdi ma spesso non sono del tutto curati. Per questo motivo la Commissione Scuola si è riunita per intervenire sulla questione. In Commissione, il consigliere Luigi Felaco ha illustrato ai presenti il programma di interventi che in seguito verrà approfondito insieme agli assessori competenti.

Il piano sostanzialmente mira al miglioramento o in molti casi alla strutturazione di spazi verdi che rappresentano una risorsa fondamentale per l’ambiente. In alcuni plessi si è verificato, in passato, un accordo con il Comune per lo smaltimento degli sfalci delle potature. Da questa collaborazione si può partire per un’eventuale valorizzazione dell’area verde sia interna che esterna.

Gli spazi interni potrebbero essere destinati ad accogliere orti urbani mentre gli spazi esterni potrebbero essere adottati dalle scuole anziché essere abbandonati e invasi dai rifiuti. Questo è tutto quello che è stato proposto in sede di Commissione che sarà nuovamente esaminato in una seconda riunione.

Il tema verrà affrontato e discusso insieme al vice sindaco Del Giudice e l’assessore alla Scuola e all’Istruzione Annamaria Palmieri e l’assessore alla qualità della vita e alle pari opportunità Daniela Villani.

L’obiettivo è quello di formare dei luoghi sicuri in cui le famiglie e gli alunni possano sentirsi protetti e far diventare questi spazi luoghi di manifestazioni e iniziative di carattere educativo e sociale.

La Commissione ha infine deciso di inviare un modulo di partecipazione alle varie scuole in modo da poter raccogliere adesioni, suggerimenti e osservazioni o per richiedere anche informazioni e chiarimenti.

 

Maria Baldares 

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli: Serata evento al Borgo Vergini
Articolo successivoYemen, gli USA rischiano l’incriminazione per crimini di guerra
Frequento il secondo anno in Scienze della Comunicazione e sogno di diventare una giornalista a tutti gli effetti. Sono sempre stata decisa a voler intraprendere questo tipo di carriera e ciò che ha contribuito a far coltivare questa passione è stato il quartiere in cui sono nata e crescita. Vivo a Secondigliano, inutile dirvi le difficoltà e i problemi che purtroppo esistono e persistono ma allo stesso tempo ci sono tante persone che fanno di tutto per cambiare le cose, io sono una tra queste. Spesso si guarda solo il negativo delle cose tralasciando l'altra parte della medaglia, quella positiva.

NESSUN COMMENTO