Fantabreak: l’importanza del proprio DNA

0
88
Fantabreak

Cari fan, salve a tutti, in questa puntata riprendiamo il tema, già trattato in estate, riguardo il cognome blasonato. Dato che in Serie A riscontriamo un bel numero di figli d’arte ma quasi tutti ancora da svezzare, come gli italiani Chiesa (Federico), tra le file gigliate di Firenze, Ganz (Simone Andrea), di proprietà della Juventus ma in forza al Verona, e Federico Di Francesco, talentino del Bologna strappato alla Virtus Lanciano. Purtroppo loro ancora sgomitano per trovare un posto da titolare o almeno da riserva in prima squadra. Tempo fa Diego Simeone rese celebre il proprio cognome deliziando la Serie A con giocate incredibili con le casacche ducale/laziale/interista. Ad oggi, mentre el Cholo si rende protagonista di grandi stagioni sulla panchina dell’Atletico Madrid, suo figlio Giovanni, arrivato al Genoa tra le voci che lo davano come privilegiato per il cognome,  ha dimostrato che la celebre discendenza ha anche rilasciato nel suo DNA i geni dei bonus e del bel calcio. Infatti ad ora con sole cinque presenze ha già realizzato due gol, entrambi in movimento, viaggiando con un 6,1 come media generale e 7,1 come fantamedia. Ultimamente, però, con il ritorno di Pavoletti, in casa rossoblù è nato un forte ballottaggio in attacco tra el Cholito e lo stesso Pavoloso. Questa sfida in casa ha visto deficitare l’argentino, che infatti non realizza da tempo bonus, ma lui possiede un’arma in più: il suo DNA, che grazie alla trasmissione paterna gode di geni propensi al bonus, così come testimonia Savio nella sua  solita vignetta. el-cholito-bonusCosi vi saluto e vi auguro il solito Buon Fantabreak a tutti, rinnovando l’appuntamento ai prossimi consigli, ricordandovi che ci sarà il turno infrasettimanale con un unico anticipo di martedì alle 20:45 per poi veder sviluppare la giornata mercoledì alle 20:45 e con un unico posticipo il giovedì, sempre alla stessa ora.

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteAborto: Polonia in bilico tra Padre Rydzyk e il leader del PiS Kaczyński
Articolo successivoLa Lokomotiv Flegrea inizia bene il campionato battendo per 79-57 Ischia
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO