#maqualegender, la campagna lanciata da Carmen

0
760
#maqualegender

Napoli.Impazza sui social la campagna #maqualegender, lanciata da Carmen Ferrara, militante dell’ArciGay.

Abbiamo raggiunto telefonicamente Carmen, che ci ha spiegato: “La campagna #maqualegender è nata in maniera spontanea, dopo aver rivisto un manifesto di Forza Nuova. Gli stereotipi di genere ci costringono a muoverci in uno spazio dai dettami malagevoli, rifilati dai media e dalla persistenza – ahimè – di una cultura sessista. Pensare alla donna per forza di cose in un certo modo è il frutto dell’austerità di quanto finora ci è stato insegnato da un patriarcato ostinato che permane nelle parole e nelle azioni quotidiane. Basti pensare ai preconcetti secondo cui si strutturano molte attività della vita di tutti i giorni: Fare la spesa e ritrovarsi slogan promozionali “per lui e per lei”, come se un detergente per la casa fosse velenoso per un uomo. «Donne, è arrivato l’arrotino!», come se i coltelli da cucina tagliassero le dita dei mariti-padri-padroni . #maqualegender desidera destrutturare tutto ciò”.

“L’idea della campagna – prosegue Carmen –  è quella di offrire all’occhio di chi osserva un’immagine dirompente, che non è inedita, ma che occorre divulgare affinché ciascuno si ficchi bene in testa che non siamo come ci vogliono e non ci avranno mai normalizzati secondo le logiche di un sistema genderista e binario. Siamo libere e liberi di indossare i capi che ci pare, di compiere le azioni che sono compatibili con le nostre volontà. Esigiamo che nessuna persona sia violata dal pregiudizio e gli aderenti a “#maqualegender” con un semplice ashtag possono dimostrare di voler contrastare ogni sorta di sentimento xenofobo, transfobico, omofobo e razzista”.

L’adesione alla campagna è stata spontanea. Da parte di tutti c’è la voglia di scardinare la teoria del gender. Nonostante i passi in avanti, la teoria  semina ancora terrore, a causa del persistente retaggio patriarcale. Liberiamoci dal gender e esorcizziamo gli stereotipi“, conclude Carmen.

CONDIVIDI
Articolo precedenteRischiatutto: il 27 ottobre si torna in cabina
Articolo successivoThe young pope, un Papa antipatico
Maria Bianca Russo è una giornalista pubblicista iscritta al terzo anno di lettere moderne. Si occupa principalmente di sociale e cultura. Molto legata al teatro, alla lotta contro le mafie e al tema sulla violenza che si consuma sulle donne.

NESSUN COMMENTO