Domenica 6 novembre i lavoratori di Almaviva si riuniscono per manifestare assieme alla proprie famiglie contro i licenziamenti preannunciati dall’azienda la scorsa primavera.

L’appuntamento è per le ore 10:00 a Napoli presso Piazza Vittoria all’ingresso dell’isola pedonale.

Gli organizzatori descrivono così l’intento e le ragioni della giornata organizzata per domenica prossima: “Questa manifestazione deve avere una cassa di risonanza non indifferente, invitiamo tutti a partecipare indistinatamente. Solo così potremo essere una sola famiglia e dare una scossa al governo, all’azienda e a tutti coloro che possono salvare 845 lavoratori che dopo il 18 dicembre saranno licenziati e con loro finiranno tanti sogni e si vivrà una brutta prospettiva della visione del Futuro”.

QUI è possibile accedere ai dettagli dell’evento creato su Facebook.

I sindacati hanno, invece, indetto per giovedì 10 novembre uno sciopero nazionale di tutti i dipendenti Almaviva contro la chiusura delle sedi e contro i licenziamenti.

Lo sciopero è stato proclamato in seguito all’incontro svoltosi lo scorso 27 ottobre tra Almaviva, i sindacati nazionali e territoriali e le Rsu. Le organizzazioni “hanno ribadito le posizioni già espresse nei precedenti incontri e hanno chiesto nuovamente all’azienda di ritirare la procedura di licenziamento per chiusura sedi a Roma e Napoli e quella di trasferimento dei lavoratori da Palermo a Rende”.

Marta Buono

CONDIVIDI
Articolo precedenteLega Pro: Casertana, Carlini non basta. Col Fondi è 1-1
Articolo successivoMare di Ross, il primo parco marino in acque internazionali
Classe '90, cresce a Spello, in Umbria, e si diploma nel 2009 presso il Liceo delle Scienze Sociali di Foligno. A 19 anni si sposta a Roma, dove studia fotografia per due anni e si laurea successivamente in Lettere Moderne presso La Sapienza. Da ottobre 2015 si trova Napoli per continuare gli studi alla Federico II, dove intende seguire il corso magistrale in Management del Patrimonio Culturale. Crede che nella vita ci sia una sola regola: fare il meno male possibile. Quella con Libero Pensiero News è la sua prima entusiasmante prova giornalistica.

NESSUN COMMENTO