Ospedale San Gennaro, continua la lotta del Rione Sanità

1
587

Napoli – L’ Ospedale San Gennaro del Rione Sanità sta chiudendo. I cittadini, i rappresentanti politici del quartiere, i lavoratori del plesso Ospedaliero stesso stanno attuando diversi piani organizzativi per cercare in qualsiasi modo di impedirne la chiusura.

È notizia di pochi giorni fa la chiusura del reparto oncologico della struttura. La direzione sanitaria dell’ASL Napoli 1 ha mandato l’ordine di servizio per far chiudere il reparto. Infermieri, medici e personale del reparto di oncologia dovranno prendere servizio presso l’Ospedale Ascalesi. Insieme a loro, dovranno trasferirsi anche tutti coloro che devono fare chemioterapia.

Attivisti, cittadini, studenti, lavoratori e rappresentanti della politica locale stanno facendo tanto per farsi sentire. Hanno organizzato cortei, manifestazioni, hanno occupato il presidio, stanno sollecitando le autorità competenti in tutti i modi possibili per dire “No alla chiusura del San Gennaro”.

Ieri, intorno alle 18, si è tenuta una fiaccolata per opporsi “al pianto scellerato della Regione Campania e per illuminare i vicoli della speranza di chi oggi non molla e continua a lottare per tutelare la salute, quindi la vita”. (dalla pagina Facebook NO alla chiusura dell’Ospedale San Gennaro ).

Tantissime le persone che hanno partecipato a questa iniziativa. Hanno attraversato tutto il quartiere del Rione Sanità: da vico Carretta, Vico Lammatari, Vico San Severo, le Fontanelle, Via Arena Sanità , via vergini , Piazza Sanità, Piazzetta San Vincenzo fino al presidio ospedaliero  San Gennaro.

Annunciano gli attivisti della lotta contro la chiusura dell’Ospedale che la loro lotta non finirà: “L’OSPEDALE E’ NOSTRO, RIPRENDIAMOCI IL QUARTIERE SANITÀ”. 

Infatti si sta organizzando un torneo di calcetto per i bambini del quartiere allo scopo di far rivivere il parco che si trova di fronte al San Gennaro e di trovare ancora ulteriori consensi tra i cittadini del quartiere Sanità per la lotta contro la chiusura dell’Ospedale.

Simona Pietropaolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteC’era una volta il latinorum
Articolo successivoProcida, il punto sul pronto soccorso
Simona Pietropaolo è nata a Napoli il 3 novembre del 1993 e vive a Marano di Napoli. Studia alla facoltà di Lettere moderne dell' Universita Federico II per poter intraprendere una carriera nell'ambito del giornalismo e delle comunicazioni. Le sue passioni sono la scrittura creativa e la lettura principalmente di opere letterarie classiche e contemporanee.

1 COMMENTO

Comments are closed.