All’Ex Asilo Filangieri nuovi laboratori e TEH

0
419

L’Ex Asilo Filangieri entra a far parte della Trans Europe Halles, la rete internazionale dei centri culturali indipendenti e lancia una serie di nuovi laboratori per il mese di novembre.

L’Asilo, ex sede del Forum delle Culture, è uno spazio aperto basato su una gestione condivisa. Qui, il bene pubblico non è più affidato ad un soggetto privato ma è aperto a tutti coloro che lavorano nel campo dell’arte, della cultura e dello spettacolo. In questo modo, grazie anche ad un’assemblea pubblica vengono condivisi progetti e spazi dando vita ad una nuova forma di istituzionalità dell’arte fondata sulla cooperazione, sull’autonomia e sull’indipendenza della cultura.

Oggi l’Ex Asilo Filangieri entra a far parte della Trans Europe Halles, la rete internazionale di centri culturali indipendenti che conta 80 membri ed organizzazioni associate in quasi trenta paesi europei. La maggioranza di essi nasce da mobilitazioni e movimenti popolari che hanno dato vita a nuove forme di partecipazione e cultura. È la prima volta che un partner della TEH non possiede né vertici, né responsabili legali.

Inoltre, l’Asilo ha presentato i nuovi laboratori in programma per il mese di novembre:

  • Venerdì 4 novembre ore 22.00: 30° appuntamento con  le ‘Geografie del suono’. Il duo MU, una chitarra acustica e un violoncello che si muovono tra improvvisazioni e delicate sonorità elettroacustiche, incontra Giovanna Izzo e Pietro Lama;
  • Dal 1 novembre, ogni martedì e giovedì: ‘Fenomenologia della presenza’. Laboratorio permanente condotto da Marie Thérèse Sitzia sulla costruzione corporea e sulla danza, lungo le tracce dei temi Opacità/Traslucenza/Trasparenza;
  • Mercoledì 2 novembre ore 19.00: 2° appuntamento di ‘Contact Improvisation’ in collaborazione con il Collettivo CI.NA (Contact Improvisation Napoli);
  • Dal 3 novembre, ogni giovedì alle ore 19.30: ‘Percorsi sul ventre del mondo II’. Laboratorio condotto da Gabriella Noto alla scoperta delle danze orientali, un percorso che indaga sulla cultura e sulla storia mediorientale;
  • Dal 4 novembre, ogni venerdì alle ore 19.00: ‘Metodo Feldenkrais. Le lezioni di questo metodo condotte da Marco Franceschelli si concentrano sulla consapevolezza di sé attraverso il movimento.
  • Dall’8 al 17 novembre: ‘ECUBA – Porti e periferie del Mediterraneo’. Il progetto sintetizza la vocazione della compagnia Laminarie nelle pratiche di ravvicinamento e della sua necessità di mettersi in relazione ed avvicinarsi ad un pubblico sempre nuovo ed eterogeneo. Sesta azione del workshop itinerante dedicato allo studio della tragica e trasversale figura di Ecuba;
  • Dal 21 al 28 novembre alle ore 10.00: ‘OPEN CALL’. Workshop di recitazione con Francesco Villano per attori professionisti, performers, registi e drammaturghi sul testo Edeyen di Letizia Russo. L’obiettivo primario del workshop non sarà l’insegnamento di uno stile recitativo, ma lo svelamento di un principio personale fondante: allenare l’attitudine alla sorpresa all’interno di un proprio progetto;
  • Dal 22 novembre al 1° dicembre, ore 17.00: ‘Sacro come il fuoco’. Luca Scarpati, Riccardo Pisani, Lídia Arias Martí e Fabrizio Greco cercano artisti per costituire una compagnia di danza/teatro col fuoco, attraverso lo studio e l’approfondimento di una drammaturgia del movimento nel corso di 6 di incontri formativi;
  • Ogni mercoledì dalle ore 18.00 alle 20.00: ‘Taiji Chi Quan e Qi Gong’. Continuano gli incontri sulle pratiche finalizzate al miglioramento della salute, dell’equilibrio fisico e mentale, delle capacità di autodifesa;

Questa settimana gli spazi pubblici e i mezzi di produzione condivisi dell’Asilo sono attraversati anche da:

  • Corsi di italiano per migranti coordinati da Insegnanti senza Frontiere;
  • 45 membri della Scuola Elementare del Teatro diretta da Davide Iodice;
  • Daniele Cirillo, per le riprese di uno spot per l’associazione Alma Mundi;
  • Antonio Esposito Maiello con il suo ensemble vocale;
  • La danzatrice Sveva Scognamiglio in residenza con il suo lavoro Persona che andrà in scena il 14 novembre 2016 al Teatro Nuovo di Napoli, in Sala Assoli;
  • 5 attori e il regista Mario De Masi dello spettacolo “Pisci ‘e paranza” che saranno in scena al Teatro Civico 14 di Caserta il prossimo 11 novembre 2016;
  • Tavoli tematici pubblici dove si discutono le proposte di scambio e di programmazione;
  • Mamme, papà, bimbi e bimbe per incontrarsi in libertà il martedì pomeriggio in refettorio;
  • Chi se ne prende cura;

Flora Visone

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLucio Anneo Seneca: il mito dell’ autarkeia
Articolo successivoMarocco in fiamme per la morte di Mouhcine (e non solo)
Flora scrive da sempre perché le riesce meglio che parlare. Studia Lettere moderne e lavora in una ludoteca. Poesia e bambini, due cose che, messe insieme, un po' la vita la migliorano. Non sa cosa vuol fare da grande ma sa quello che non vuole fare: arrendersi ad una realtà che non ti fa regali, dove il futuro tocca andarselo a prendere da soli.

NESSUN COMMENTO