La CGIL presenta la Settimana dei Servizi

0
518
cgil

Questa mattina, presso la sede Cgil di via Torino a Napoli, si è svolta la conferenza stampa di presentazione della Settimana dei Servizi promossa dalla Funzione Pubblica Cgil Area Metropolitana di Napoli, che avrà luogo presso diverse sedi tra il 7 e l’11 novembre prossimi.

La tappa finale della settimana, l’11 novembre alle 20:00 presso piazza del Gesù, vedrà protagonisti Serena Sorrentino, segretaria generale nazionale della Funzione Pubblica Cgil e la band musicale “La Maschera”.

Gli argomenti anticipati oggi da Filctem Cgil Napoli sono vari ed indirizzati all’accelerazione dello sviluppo e dell’occupazione nel territorio. Si è parlato di diversi settori sui quali la federazione esercita la propria rappresentanza: energia, gas, idrico, tessile, plastico, contrattuale. Lo sviluppo di tali settori sarà accompagnato da un’efficiente attivazione dei fondi strutturali ed europei.

Le priorità sono chiare: “E’ indispensabile superare lo spezzettamento degli interventi, incrementare il coordinamento tra programmi nazionali e regionali, ridurre i tempi di realizzazione e scegliere delle priorità d’investimento in una visione di insieme dello sviluppo.”

Tale politica industriale mirata allo sviluppo dovrà innanzitutto migliorare il contesto nel quale le aziende operano, garantendo aree industriali attrezzate a costi accessibili e competitivi, oltre a servizi moderni e funzionali all’industria: servizi logistici internazionali, servizi interportuali e portuali di livello internazionale, alta velocità ferroviaria, direttrici stradali portanti, interconnessione del sistema elettrico e una maggiore copertura del metanizzato. Servizi che al momento mancano quasi completamente nel territorio campano.

Particolare attenzione sembra verrà data alla questione dei rinnovi contrattuali, in merito alla quale sono emersi dissidi con le associazioni datoriali:
“In un sistema Paese dove l’innovazione tecnologica e la competitività sono sempre più argomenti centrali nel dibattito tra le organizzazioni sindacali e quelle datoriali, la Filctem di Napoli sarà sempre da supporto ad un modello contrattuale che ha cercato negli anni di mettere al centro il valore del lavoro e la difesa della sua qualità come elemento necessario e fondante dell’intero sistema economico.”

Marta Buono

CONDIVIDI
Articolo precedenteSocial Network: un’arma affilata nelle mani di chiunque
Articolo successivoEuropa League: bene Roma e Fiorentina, Sassuolo dolceamaro e tracollo Inter
Classe '90, cresce a Spello, in Umbria, e si diploma nel 2009 presso il Liceo delle Scienze Sociali di Foligno. A 19 anni si sposta a Roma, dove studia fotografia per due anni e si laurea successivamente in Lettere Moderne presso La Sapienza. Da ottobre 2015 si trova Napoli per continuare gli studi alla Federico II, dove intende seguire il corso magistrale in Organizzazione e Gestione del Patrimonio Culturale e Ambientale. Crede che nella vita ci sia una sola regola: fare il meno male possibile. Quella con Libero Pensiero News è la sua prima entusiasmante prova giornalistica.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO