“Il Preside ci nega i viaggi d’istruzione e le gite”, gli studenti del Boccioni in sit in

0
6018

Mattina in fermento per gli studenti e le studentesse del Liceo Artistico Boccioni di Napoli, i quali si sono radunati nel cortile esterno alla scuola per un sit in di protesta.

”Nei giorni scorsi – dice una studentessa – abbiamo avuto un colloquio con il Preside, il quale ci ha negato i viaggi d’istruzione ed ha cancellato tutte le uscite didattiche e non ci ha permesso di prendere parte ad Orienta Sud”.
La studentessa poi prosegue:”Abbiamo chiesto assemblea d’istituto Lunedì, ma anche questa richiesta non è stata accolta e il Dirigente ci ha detto che d’ora in poi faremo assemblea il giorno in cui deciderà di farla il Liceo Palizzi”.

boccioni-2L’atteggiamento di chiusura di dialogo del Dirigente sarebbe stato causato da alcuni atti vandalici all’interno della scuola.
Il Preside, secondo la ricostruzione degli studenti avrebbe anche respinto la richiesta di settimana dello studente.

Come se non bastasse il Liceo Artistico Boccioni, da anni vive in un pietoso stato di abbandono. La scuola di via Terracina infatti, dopo essere stata accorpata al Liceo Palizzi, negli anni scorsi ha dovuto combattere contro una sentenza di sfratto esecutivo che voleva l’abbattimento del plesso sito nella Mostra D’Oltremare per costruire un albergo.
il Boccioni è allocato infatti su un terreno che appartiene all’ente Mostra e seppur da alcuni anni il progetto albergo è stato sotterrato si continua a vociferare di un possibile trasferimento presso una nuova sede che comporterebbe inevitabilmente la perdita di iscritti.

Le condizioni fatiscenti della struttura (cornicioni pericolanti, infiltrazioni d’acqua e palestra chiusa) secondo gli studenti hanno un preciso motivo:”Pensiamo vogliano smobilitare la scuola” – ribatte uno studente.
In effetti oltre alla tinteggiata in alcune aule e al rifacimento del tetto, la Città metropolitana non ha disposto altri interventi.
Secondo gli studenti c’è anche caos circa le competenze di chi dovrebbe mettere in sicurezza la scuola.

Pasquale De Laurentis
p.delaurentis@liberopensiero.eu

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli, incremento della raccolta differenziata
Articolo successivoHillary Clinton non smette di credere nella rottura del “soffitto di vetro”
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO