Schiuma bianca dai tombini, allarme ad Acerra

0
573

Le scorse notti dai tombini di Via Bruno Buozzi nell’area settentrionale di Acerra della schiuma bianca è fuoriuscita in grandi quantità invadendo le strade. Il proliferarsi della massa liquida informe è stato favorito dalle forti piogge che nei giorni scorsi hanno intasato la rete fognaria della cittadini campana. A dare l’allarme gli abitanti della zona che hanno vissuto in prima persona lo strano e spiacevole evento.

Il Sindaco Raffaele Lettieri ha fin da subito invitato i cittadini alla calma e a documentare il fenomeno qualora ne fossero stati testimoni. La richiesta è stata accolta e sui social sono apparse numerose foto della schiuma bianca. Prove alla mano il primo cittadino ha mobilitato la Protezione Civile che assieme ai tecnici dell’Arpac sta effettuando i rilievi necessari per capire di cosa si tratta. Ad un primo esame, sembrerebbe che si tratti di schiuma di detersivi usati nelle lavanderie non particolarmente nociva per l’uomo, ma che dovrebbe essere smaltita in ben altro modo.

Si sospetta che l’anomala fuoriscita possa, quindi, essere dovuta a scarichi illegali effettuati da camion cisterna. Un anno fa si verificarono degli episodi simili in via Silvio Pellico e in via Mulino Vecchio. Nel primo caso i liquami si riversarono in alcune tavernette poste sotto il manto stradale, mentre nel secondo la schiuma fuoriuscì su tutta la strada bloccando il traffico. Alcuni residenti denunciarono alla polizia municipale lo sversamento abusivo da parte di una ditta di smaltimento locale.


“Un fenomeno del genere non è per niente naturale e il fatto che si sia verificato in una città al centro della Terra dei fuochi e alle prese con tanti fattori inquinanti rende ancor più preoccupante la cosa e quindi è giusto fare tutti i controlli possibili. Una volta accertato di che sostanza si tratta sarà compito delle forze dell’ordine individuare e incriminare i responsabili mentre le Istituzioni, a partire dal Comune, dovrebbero esigere il pagamento di tutte le spese sostenute per i controlli e per quanto s’è reso necessario per riportare il tutto alla normalità” ha dichiarato il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. Nel frattempo le autorità competenti hanno avviato un’indagine.

Vincenzo Nicoletti

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO