Per il sesto anno consecutivo ritorna l’agenda dei Beni Comuni 2017: l’appuntamento editoriale volto a costruire un dibattito collettivo sui beni comuni partendo da pratiche ed esperienze sociali.

Il progetto dell’agenda dei Beni Comuni 2017 nasce dalla sinergia dell’associazione YaBasta Restiamo Umani e dell’associazione Melagrana. E l’iniziativa è partita nel 2012, quando le associazioni parteciparono ad un grande movimento dell’acqua pubblica che servì come punto di partenza per declinare il concetto di bene comune. Seguì poi l’impegno di altre fondazioni e associazioni che hanno scritto racconti tutti basati sui temi principali del bene comune: l’acqua, la giustizia, il lavoro, l’ambiente e altro ancora.

Gli obiettivi sono vari: innanzitutto quello di creare un confronto costruttivo su una tematica di genere attualissimo e importantissimo; sperimentare un progetto editoriale che sia intelligente e che faccia riflettere, e infine creare uno strumento di autofinanziamento per le associazioni che lo realizzano per far crescere i progetti e le attività in programma.

Anche quest’anno, l’agenda dei Beni Comuni 2017 ha una tematica e una linea di condotta: la quotidiana resistenza contro l’alienazione moderna, l’individualismo dilagante, il nazionalismo da bar. Nell’edizione 2017 si raccontano le coraggiose resistenze del sud Italia, le “utopie concrete”. Queste unioni hanno fatto sì che la loro forza riuscisse ad imporsi nei territori in cui non erano ben accetti, e a creare presidi di civiltà, case d’accoglienza, spazi di solidarietà.

Agenda dei Beni Comuni
Agenda dei Beni Comuni 2017 – unità tra i popoli immigrati

Tra le avventure raccontate spicca quella della squadra di basket casertana Stella del Sud: è l’unica squadra italiana formata da soli rifugiati e immigrati scampati da guerre e persecuzioni, che con il suo spirito di unione, è diventata punto di aggregazione contro coloro che denigrano gli immigrati. E quindi si sottolinea l’importanza dello sport come vittoria della collettività.

I compagni di viaggio di questa avventura dell‘agenda dei Beni Comuni 2017 sono stati la scuola di italiano di Nova Koinè del comune di Marigliano, Carrozza d’Oro di Scisciano, l’associazione Libera Basket.

Sono raccolte le storie delle resistenze più singolari ed emozionanti, di tutti coloro che tra difficoltà, insulti e conflitti, cercano di ricostruirsi una vita con dignità e coraggio, facendosi strada tra le insidie dell’esistenza in un paese straniero. Ecco perchè sulla copertina dell’agenda dei Beni Comuni 2017 è raffigurata una coccinella: così come gli antichi credevano che il minuscolo animaletto rosso comparisse per annunciare la fine dell’inverno e l’avvento della primavera, allo stesso modo le associazioni coinvolte in questo progetto si propongono e augurano a tutti coloro che non sono in terra natia, una primavera rigogliosa e prosperosa, fatta di pace e di pari diritti per tutti.

Ulteriori informazioni

Arianna Spezzaferro

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO