Il Napoli ritorna a giocare nella massima competizione europea contro la Dinamo Kiev fanalino di coda del girone eliminatorio. Una prestazione davvero opaca regala soltanto un punto che, nonostante tutto, consegna ancora il momentaneo primato in classifica.

Il Napoli disputa una gara che risulta essere, di fatto, la fotocopia di quella disputata nell’ultima giornata di campionato contro l’Udinese. Nella gara della Dacia Arena i due guizzi di Insigne avevano sbloccato il risultato nel secondo tempo dopo un monotono quanto inefficace e insistito possesso di palla. La storia, durante il match contro la Dinamo in Champions League, si è ripetuta. Possesso di palla lento ed inconcludente nel primo tempo, che diventa stucchevole nella seconda frazione. Quando poi sopraggiunge la stanchezza, il Napoli praticamente sparisce. La situazione deve essersi mostrata davvero complicata per convincere Sarri a far entrare Gabbiadini che dopo le scorse apparizioni sembrava definitivamente bocciato. In verità Gabbiadini risulta il solo ad aver cercato ed ottenuto anche due conclusioni nel giro di poco tempo, ma non è bastato.

Gabbiadini
Gabbiadini

Da fortezza inespugnabile il San Paolo si sta trasformando in una meta con raccolta punti quasi per tutti.

Anche se il risultato può ritenersi comunque positivo visti i risultati delle altre squadre, è però evidente che gli Azzurri, travolti dalla stanchezza, abbiano disputato la partita più brutta in Champions League, in assoluto.

Le pagelle

Reina 5. Altro brivido su un’uscita fuori tempo clamorosa. Pepe cosa ti succede?

Ghoulam 5,5. Corre, si smarca, si inserisce, ma tutto inutile. Nel secondo tempo tira i remi in barca anche lui.

Koulibaly 5,5. Emblematico il suo sguardo stremato a 10 minuti dalla fine della partita.

Albiol 4,5. Il peggiore dei suoi. Pessimo il rientro in squadra. Mostra troppe insicurezze e regala troppi palloni. Irriconoscibile

Hysaj 5. Come Ghoulam, nel secondo tempo gli manca il fiato.

Hamsik 5,5. Buono il primo tempo. Ordinato nella prima frazione. fantasma nella ripresa.

Diawara 5,5. Si impegna molto ma è evidente lo stato di confusione della squadra che di certo non lo aiuta.

Zielinski 5. Pochi si sono accorti di lui questa sera. in pagella appare perchè lo abbiamo visto riportato in formazione iniziale

insigne 5. Dopo i guizzi contro l’Udinese, riecco la versione classica di quest’anno.

Mertens 5. Le cose migliori le fa vedere quando per pochi minuti gioca nella sua posizione ideale.

Callejon 5. Non è il Callejon di inizio stagione.

Tra i subentrati merita menzione Gabbiadini che si è inserito bene appena entrato con due conclusioni che meritavano miglio sorte. 6 per lui.

Salvatore Annona

 

CONDIVIDI
Articolo precedente‘O Solitude’: tra Shakespeare e Musica Sottile
Articolo successivoChampions, record di gol tra Dortmund e Legia
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO