Napoli, chiusa la caserma dei vigili del fuoco

0
492
caserma dei vigili del fuoco

Napoli. La Caserma dei Vigili del Fuoco, “Orientale”, in Via Arenaccia ha chiuso i battenti. I motivi che hanno spinto a chiudere il presidio dei Vigili del Fuoco sembrerebbero provenire dai piani alti del governo: “Struttura troppo fatiscente, non idonea ad ospitare i lavoratori e fuori dalla normativa sulla sicurezza nei  luoghi di lavoro”.

La decisione ha colpito particolarmente i Vigili del fuoco, che dopo 50 anni vedono la caserma “Orientale” chiudere. La cosa non coinvolge solo gli adetti ai lavoro ma anche i cittadini. Questi saranno sprovvisti di una base operativa fondamentale per il territorio. «Neppure il tempo di rivederla e salutarla, come si trattasse di una persona, – dice Mario Salatiello, Vigile del Fuoco – sono ritornato da una missione di servizio e la mia sede di lavoro, dove ho prestato servizio per circa 20 anni non c’è più».

La USB dei Vigili del Fuoco, insieme ai residenti del quartiere, insieme ai politici localei intendono verificare a fondo la situazione della chiusura della Caserma.

La colpa di chi è? Secondo la USB:«Il risultato di questa chiusura è frutto di una politica del risparmio che non ha permesso di fare la giusta manutenzione. Ora la scelta drastica del dipartimento è stata di chiudere la sede con grosso sgomento dei cittadini e della terza municipalità del comune di Napoli».

Anche il Presidente della III Municipalità Ivo Poggiani non rimarrà indifferente. Infatti, domani sarà presente insieme a una delegazione USB ad un incontro che si terrà a Via del Sole a Napoli dove sia il capo del dipartimento, sia il capo del corpo incontreranno le OO.SS., per cercare soluzioni adeguate.

«I paradossi delle nostre Istituzioni – commenta Ivo Poggiani –  La caserma dei Vigili del Fuoco a Via Arenaccia è sotto sfratto. 50 anni di servizio al territorio che finiscono oggi perché il Ministro degli Interni Angelino Alfano non paga il fitto da anni alla Città Metropolitana. Mentre il buon ministro viene a  fare passerelle a Napoli sulla questione sicurezza – continua il Presidente –  si continua a sparare in tutta Napoli. Episodi di criminalità e violenza crescono sia alla Sanità che ai Colli Aminei. Ed il ministro cosa fa? Chiude uno dei pochi presidi del sicurezza sociale sul territorio – conclude Poggiani – Provo sempre a mantenere un atteggiamento istituzionale corretto verso gli enti pubblici governativi, ma sono veramente stanco». 

Diversi sono i Comitati e le Associazioni che oggi si sono uniti per dire NO alla chiusura del distaccamento Orientale dei Vigili del Fuoco.

Simona Pietropaolo

CONDIVIDI
Articolo precedenteFranco Mastrogiovanni: nuova sentenza per medici e infermieri coinvolti nel ricovero
Articolo successivoNatale a Napoli, i principali eventi
Simona Pietropaolo è nata a Napoli il 3 novembre del 1993 e vive a Marano di Napoli. Studia alla facoltà di Lettere moderne dell' Universita Federico II per poter intraprendere una carriera nell'ambito del giornalismo e delle comunicazioni. Le sue passioni sono la scrittura creativa e la lettura principalmente di opere letterarie classiche e contemporanee.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO