La basilica del Gesù Nuovo cela un vero e proprio tesoro nascosto  fatto di calici, pissidi, ostensori, casule, piviali bellissimi, una pianeta e quadri importanti che necessitano di restauro, tra cui un Ribera di grande valore. Il tutto è attualmente conservato in un deposito in attesa di una sistemazione migliore, si pensa, infatti, che l’ideale potrebbe essere esporre questo tesoro in un ipotetico Museo realizzato stesso al piano superiore della chiesa. Per far fronte al problema economico che sussiste nella creazione di tale museo si è dato il via ad un operazione di crowdfunding sociale «Riaccendiamo il Gesù Nuovo» promossa dai padri Gesuiti con la Fondazione Banco di Napoli e Meridonare che gode del patrocinio del Comune di Napoli e della Regione Campania. Si provvederà anche al restauro dell’impianto di illuminazione dell’intera chiesa e degli affreschi della cappella di Francesco De Geronimo attualmente danneggiati.

Il parroco Vincenzo Sibilio ha affermato: «Il museo partirebbe dove attualmente si trova la sacrestia e diventerebbe uno spazio culturale e di fede di grande rilevanza con opere importanti da poter esporre degnamente e da poter far ammirare a napoletani e turisti — Questo progetto vuole tutelare oltre quattro secoli di arte e di storia racchiusi nel Gesù Nuovo con l’obiettivo di riportarli all’antico splendore»

tesoro nascosto

Marco Musella, rappresentante della Fondazione Banco Napoli e della piattaforma, ha affermato che, attraverso la raccolta fondi, si punta a «rilanciare e mettere in rete le esperienze positive presenti in città con l’intento di valorizzare i beni culturali di cui Napoli è ricca, così come tutto il Sud». Anche il sindaco De Magistris ha espresso il suo parere: «Bisogna incentivare la partecipazione di tutti i cittadini alla cura del Bene comune perché quando parliamo del Gesù Nuovo così come del ricco patrimonio storico, artistico e monumentale di Napoli non parliamo di beni privati, religiosi o pubblici ma soprattutto di Beni comuni».  tesoro nascosto, tesoro nascosto

Fonti: Il corriere del Mezzogiorno

Sabrina Mautone

CONDIVIDI
Articolo precedenteCNR: “Il succo di mela è un antitumorale”
Articolo successivoPrimi passi nel Forex trading: a cosa prestare attenzione
Sabrina Mautone nasce a Napoli il 18 Maggio 1996. Diplomata presso il Liceo Scientifico Niccolò Braucci e laureanda in Lingue, culture e letterature moderne europee alla Federico II. Amante della scrittura, letteratura e fotografia. Vince il premio Librandosi da giovanissima.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO