Sgarbi, Napoli e l’arte: una mostra sui “tesori nascosti”

0
463
Locandina mostra "I tesori nascosti"
Locandina mostra "I tesori nascosti"
Locandina mostra “I tesori nascosti”

L’eclettico e incontenibile Vittorio Sgarbi, critico d’arte, scrittore, opinionista e politico, nonché personaggio amato e odiato dal pubblico, per la sua esuberanza, la sua schiettezza e i modi di fare alquanto inconsueti, presto metterà piede nella nostra bella Napoli. Visita? Vacanza di piacere? Niente di tutto ciò. Arte è la parola chiave.

Presenterà, infatti, una mostra d’arte, intitolata “I Tesori nascosti. Tino di Camaino, Caravaggio, Gemito” la cui inaugurazione è prevista per martedì 6 dicembre, alle ore 11.30, presso la Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, sita nel centro storico della città e restaurata recentemente. Si tratta di una sorta di espansione della maestosa esposizione “Il Tesoro d’Italia”, presentata all’Esposizione Universale di Milano del 2015. Più di circa 150 opere, di diversi artisti e appartenenti alle proprie collezioni private (questo è il motivo per cui sono state soprannonimate “tesori nascosti”) saranno esposte all’interno della basilica. I capolavori scelti sono stati realizzati in diversi periodi, dal Medioevo fino al Novecento. Durante l’inaugurazione, ci saranno interventi da parte Vincenzo De Luca, Nino Daniele, Giorgio Ferrari, Gianni Filippini e Raffaele Iovine. Ricordiamo la stretta collaborazione tra Regione Campania, Arcidiocesi della Città di Napoli e del Comune stesso per la realizzazione della mostra, che ha come sponsor il Gruppo Credem.

Per gli amanti della tecnologica, buone notizie: l’acquisto del ticket d’entrata permetterà di scaricare un’app gratuita sul proprio smartphone (sia per IOS che per Android) che consentirà di ascoltare l’audioguida con la voce dello stesso Sgarbi.

La mostra sarà visitabile fino al 28 maggio 2017, da lunedì a venerdì dalle ore 10 alle 20 e sabato e domenica dalle 10 alle 23. Per ulteriori informazioni sui costi del ticket e sulle riduzioni, visitare il sito ufficiale http://www.itesorinascosti.it/, in cui sono riportati numeri di telefono e l’indirizzo e-mail da contattare.

(Fonte: sito ufficiale della mostra http://www.itesorinascosti.it/)

Valentina Coppola

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO