Arriva anche a Napoli il teatro AvanPosto Numero Zero, con un nuovo spazio culturale nel centro storico dedicato a svariati circuiti scenografici, come cinema, mostre, musica ed eventi fuori da circuiti ufficiali. Tutto ciò grazie all’opera del già noto Egidio Carbone, autore di altre pellicole come Guado ’14 e Caligo ’16, a partire dalle quali egli iniziò un lavoro di ricerca e sperimentazione riguardo l’arte costitutiva.

Domani alle 20:30 il primo appuntamento a via Sedili di porto 55 (via Mezzocannone)in cui verrà riproposto come esclusiva napoletana lo sceneggiato Milano via Padova; tra gli attori i nomi di Flavia Mastrella e di Antonio Rezza, che raggiunto al telefono, tra le varie pause delle prove, ha dichiarato: “Siamo orgogliosi di avere l’esclusiva napoletana di Milano, via Padova. È importante rappresentare questo spettacolo in una città tanto vasta ed eterogenea nella quale risulta ancora più forte il nostro messaggio: nessuno può condividere l’intolleranza“. Infatti lo spettacolo consiste in un viaggio su un autobus, il 56, che percorrendo un’arteria della città meneghina, ed essendo anche il mezzo maggiormente utilizzato per gli spostamenti, abbraccia una fetta di popolazione davvero ampia.

Fortunatamente quella di domani sera non sarà l’unica rappresentazione, ma si ripeterà secondo questo calendario: da lunedì 5 dicembre a mercoledì 7 dicembre alle ore 21:00, per poi aumentare gli orari d’appuntamenti da giovedì 8 dicembre domenica 11, creando ben tre appuntamenti divisi alle: 11:00, 18:30 e 20:30.

Oggi l’anteprima alle ore 21, che sarà rigorosamente gratuita con in apertura un esclusivo mini-concerto del gruppo Sette Bocche, che si ritroveranno proprio sull’autobus 56, palcoscenico dello sceneggiato.

La peculiarità dello spettacolo è la poliedricità dato che gli attori durante il loro ipotetico viaggio incontreranno le varie etnie stanti nella reale Milano. Così attraverso l’arte del teatro, si vogliono esprimere tutte le sofferenze degli immigrati, creando una specie di inchiesta giornalistica. Lo sceneggiato non si limiterà al solo mese di dicembre, ma proseguirà anche a gennaio con appuntamenti da venerdì 6 a domenica 8, per poi proseguire fino maggio, cosa che permetterà la collaborazione tra Antonio Rezza Flavia Mastrella. 

Grazie al lungo calendario, si potranno incontrare nel corso dei diversi spettacoli svariati e famosi ospiti, come: Franco Arminio, Fabio Balsamo, Eugenio Bennato, Antonio Casagrande, Antonio Capuano, Nico Cirasola, Peppe Lanzetta, James Senese. Nella scelta degli ospiti notiamo qualche artista musicale, dato che a detta di Egidio Carbone: ” Il canto ci mostra la dolcezza di un ritmo naturale, da tempo dimenticato in Occidente”. 

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli Carpisa Yamamay, match clou con la Roma
Articolo successivoReferendum costituzionale: quando, dove, come e cosa si vota

Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto.
Ho frequentato le scuole presso l’istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all’istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt’ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale.
Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico.
Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l’ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.