Amazon sta sperimentando Amazon Go, ossia un negozio di alimentari futuristico in cui i clienti potranno deporre gli acquisti in borsa evitando le solite file alla cassa. Il primo store è già aperto per i dipendenti dell’azienda e verrà aperto al pubblico nei primi mesi del 2017.

Grazie ad algoritimi di computer vision, machine learning e sensori sparsi nel negozio sarà possibile rilevare quali prodotti portano via gli acquirenti dagli scaffali. Una volta entrati nel negozio i consumatori dovranno scansionare l’apposita App scaricata sul proprio smartphone e compiere la tradizionale spesa. Il sistema percepirà ogni singolo movimento e i prodotti acquistati verranno addebitati sull’account Amazon una volta che il cliente sarà uscito dal negozio.

I benefici sono evidenti: grazie ad Amazon Go sarà possibile fare la spesa in tempi record e avere un’ampia gamma di prodotti a disposizione. I negozi saranno delle drogherie- rosticcerie e si potranno trovare generi alimentari e bibite di ogni tipo di vari marchi. Sono disponibili, inoltre, anche pasti pronti: i cosiddetti Amazon Meal Kits disponibili negli store contengono tutti gli ingredienti necessari per preparare in 30 minuti un pasto per due.

L’obiettivo non è quello di eliminare gli addetti alle vendite, ma di ottimizzarne l’utilizzo impiegandoli nell’allestimento degli scaffali e nell’aiutare il cliente a trovare la merce da lui richiesta in tempi rapidi. Gli impiegati di Amazon, grazie ai sensori e alle telecamere, potranno monitorare quali sono i prodotti più richiesti e percepire, quindi, gli interessi dei propri clienti affinandone la profilazione.

Il progetto prevede la creazione di oltre 2000 store negli USA con lo stesso approcio. La strada è ancora lunga e molti sono i dubbi a riguardo, ma in caso di successo Amazon Go sarebbe una vera e propria rivoluzione del mondo del retail e vendita al dettaglio. I colossi americani della GDO già stanno cominciando a tremare.

Vincenzo Nicoletti

CONDIVIDI
Articolo precedenteBullismo: il caso di Nocera Inferiore a Rai2
Articolo successivoEmiliano (PD): “Molti nel partito nulla a che fare col centrosinistra”

Vincenzo Nicoletti nasce l’11 dicembre 1994 a Vallo della Lucania e si trasferisce con la famiglia a Brescia dove attualmente vive. Da sempre appassionato di lettura, viaggi, diritti umani e ambiente ha sviluppato una forte curiosità per il mondo che lo circonda nelle sue molteplici sfaccettature. Collabora con Libero Pensiero News come coordinatore della sezione Scienza.