Amalfi. La Meg Gallery nell’Antico Arsenale cittadino ospiterà  tredici capolavori del grande Maestro Giorgio De Chirico.

L’esposizione, patrocinata dalla regione Campania e dal comune di Amalfi, è stata inaugurata lo scorso martedì 6 dicembre  nella Meg Gallery, già sede del Museo della Bussola e del Ducato, ed  è stata curata  dall’associazione culturale “MetaMorfosi”, presieduta da Pietro Folena e co-organizzatrice è Isa De Chirico che rappresenta la fondazione “Giorgio e Isa De Chirico”.

L’Antico Arsenale, che nei mesi scorsi ha accolto “L’eterno amore” rappresentazione di Andy Warhol dedicata a Marilyn Monroe e al presidente americano John Fitzgerald Kennedy, sarà la culla della mostra “Ricostruire” del pittore e scrittore di origine ellenica, con precisione dalla città di Volo, con alcune delle sue più celebri opere che coprono l’arco temporale che va dal 1948 al 1976, periodo artistico immediatamente successivo alla Metafisica, quando si ritrovò a trattare quel classicismo che poi inseguì per tutta la vita. Ecco che ritroviamo i tipici manichini, omaggio all’arte rinascimentale, i tradizionali busti in marmo greco-romani, le antiche reliquie di un’epoca passata e le nature morte, o “natura in posa” come preferisce definirla il grande critico d’arte Giulio Carlo Argan.

A rendere ancora più intensa  l’incursione nel corpus delle 13 tele del Pictor Optimus è la location, che con la sua struttura tardo medievale che si contrappone alle linee moderne dei suoi soggetti.

I lavori del grande De Chirico che rientrano nel ciclo “Ricostruire”, mostra che è arrivata ad Amalfi dopo una prima tappa a Spoleto, “c’è un tocco in più – spiega il curatore artistico Strinati – un riferimento alla psicoanalisi, o agli enigmi dei suoi tempi, che emergono in più aspetti iconografici”.

Pertanto, le opere in mostra sono:
· Interno metafisico con testa di Esculapio, 1969
· Mele e arance, 1969
· Il contemplatore, 1976
· Oreste e Elettra, 1974
· Combattimento con leone, 1968
· Il pittore, 1958
· Elettra consolatrice, 1968
· Vita silente con busto di Minerva, 1973
· Vita silente nel paesaggio con drappo rosso, 1948
· Lungo l’Arno, 1957
· Il dialogo misterioso, 1973

INFORMAZIONI
Quando: fino al 19 marzo 2017
Dove: Mag Gallery, Antico Arsenale – Largo Cesareo 3 (Amalfi)
Orari: dalle 10.00 alle 14.00 e dalle 15.30 alle 19.30
Prezzo: 6 euro

Maria Luisa Allocca