Giorgio Gaber diceva: “Ma cos’é la destra cos’é la sinistra ? “

Se per Di Battista non esistono più i fascisti e gli antifascisti, per De Luca e Lettieri non esiste più la destra e la sinistra. Si può riassumere tutto in una grande accozzaglia.

Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca vorrebbe, infatti, affidare all’imprenditore Gianni Lettieri – candidato sindaco del centro destra, sconfitto da Luigi De Magistris durante l’ultima tornata elettorale – il coordinamento dell’internazionalizzazione delle imprese campane e la gestione dei fondi europei per conto della Regione.

L’idillio Lettieri – De Luca  dura da anni. L’imprenditore napoletano investe, infatti, da diverso tempo nella città di Salerno, roccaforte del Presidente della Regione.

L’ultimo investimento risale a pochi giorni fa e riguarda l’apertura del centro commerciale ‘Le Cotoniere’.

Lo scorso Aprile, durante l’inaugurazione del centro commerciale e sala wellness ‘La Fabbrica’, De Luca dichiarò: ”Dal recupero della spiaggia all’investimento di fondi europei per riqualificare alcune zone. Il più grande investimento fatto nel meridione grazie al coraggio imprenditoriale di Gianni Lettieri che ha permesso tutto questo”.

Lettieri rispose: “Salerno dimostra che in Campania le cose si possono fare e che è possibile investire anche da noi, a Napoli. Si può fare quando un amministratore è bravo e ha la fiducia negli investitori come in questo caso. Si tratta di un impegno che abbiamo preso con l’amministrazione e ringrazio De Luca con il quale c’è da sempre fiducia”.

Lettieri, inoltre, durante la campagna referendaria, pur andando contro il partito di riferimento ha sostenuto il SI, irritando, così i vertici campani di Forza Italia.