Napoli. Sono ormai diversi anni che si parla di un restyling dello stadio San Paolo. Tra Aurelio De Laurentiis, presidente della Napoli Calcio, e il Sindaco Luigi De Magistris è nata una vera e propria diatriba.

Il terreno di scontro tra i due si fonda sul fatto che De Laurentis vuole far si che il suo Napoli, ormai viaggiante da anni in posizioni d’elite tra Italia ed Europa, ospiti gli avversari in un adeguato palcoscenico. Al momento, secondo il Presidente lo stadio San Paolo non è pronto.

Grazie al lavoro dell’amministrazione arancione, il Credito sportivo ha stanziato e poi erogato venticinque milioni di euro affinché avvenga il restyling della struttura.

I lavori verranno avviati subito dopo il Campionato. I primi interventi verranno effettuati su gli impianti elettrici, bagni e seggiolini.

Un dato fondamentale, inoltre, è rappresentato dal fatto che la linea di credito resterà aperta, ciò vuol dire che potranno arrivare altri fondi a finanziare i lavori.

Aurelio De Laurentiis, con questa dichiarazione: “Fate spendere a me i soldi per lo stadio.”, si propone come garante/investitore per migliorare lo stadio San Paolo.

Uno stadio che, secondo il presidente, così com’è non potrebbe ospitare il Real Madrid nella sfida di Champions League.

 

 

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa CIA svela una strana alleanza fra Mosca e Trump
Articolo successivoFedeli alla Costituzione
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.