Dopo essere stata discussa e approvata, la proposta è stata inviata al Governo e alla Commissione Europea per essere confermata in via definitiva. Il 13 dicembre scorso infatti la Giunta regionale della Campania ha esaminato e accettato il documento base per l’istituzione della Zona Economica Speciale (ZES) dei porti e delle aree retroportuali di Napoli e Salerno.

L’Assessore De Luca ha affermato: “Confidiamo in un esito positivo del percorso,  consapevoli del fatto che l’istituzione di una zona economica speciale potrebbe rappresentare un decisivo fattore di accelerazione nelle politiche di sviluppo e attrazione di investimenti sui nostri territori“.

Per quanto riguarda la zona interessata di Salerno, la commissione ha voluto seguire la linea dell’amministrazione comunale che prevede la valorizzazione e il rilancio delle attività produttive territoriali. A tal scopo il documento concentra maggiormente la sua azione nell’area industriale del Comune capoluogo.

Grazie ad un’intensa collaborazione, durante la quale l’amministrazione regionale si è  mostrata molto disponibile al colloquio,  sono state individuate le aree retro portuali di Salerno e provincia idonee alle agevolazioni previste dall’iniziativa.

L’assessore al Bilancio infatti ci ha tenuto a ringraziare le autorità  portuali e il personale delle istituzioni locali per l’aiuto e la disponibilità concesse all’organizzazione dell’obiettivo.

Obiettivo che prevede per la prima  fase di sperimentazione anche alcune zone produttive dell’Agro nocerino sarnese e le direttrici di Salerno verso Pontecagnano-Battipaglia-Eboli. Per quanto riguarda la seconda fase invece,  che sarà di espansione, i bacini territoriali interessati saranno la Valle dell’Irno e di FiscianoCastel San Giorgio e Mercato San Severino.

Roberto De Luca, Assessore al Bilancio del Comune di Salerno,  già citato in precedenza, ha condiviso la sua opinione a proposito in un post su Facebook: “L’entrata in vigore della ZES consentirà di usufruire di agevolazioni e strumenti di sostegno agli investimenti in termini di incentivi finanziari,  sgravi ed esenzioni doganali e fiscali, semplificazioni normative ed amministrative,  che saranno successivamente definite in maniera specifica“.

Federica Ruggiero

CONDIVIDI
Articolo precedenteQuando le vacanze finiscono… rimangono le foto ricordo
Articolo successivoItalo Calvino: la fantasia che trascende la realtà

Studentessa di Scienze della Comunicazione (Editoria) all’Università degli studi di Salerno, 21 anni. Membro di Link Fisciano e Rete della Conoscenza.

Ancora non so cosa fare e chi diventare, quindi per ora mi limito a provare e ad iniziare a conoscere le cose che mi interessano e mi fanno stare bene: fotografia, libri, giornalismo, musica, grafica, politica, volontariato, arte, cultura.

Di recente, ho scoperto che amo volare.