Dopo essere stata discussa e approvata, la proposta è stata inviata al Governo e alla Commissione Europea per essere confermata in via definitiva. Il 13 dicembre scorso infatti la Giunta regionale della Campania ha esaminato e accettato il documento base per l’istituzione della Zona Economica Speciale (ZES) dei porti e delle aree retroportuali di Napoli e Salerno.

L’Assessore De Luca ha affermato: “Confidiamo in un esito positivo del percorso,  consapevoli del fatto che l’istituzione di una zona economica speciale potrebbe rappresentare un decisivo fattore di accelerazione nelle politiche di sviluppo e attrazione di investimenti sui nostri territori“.

Per quanto riguarda la zona interessata di Salerno, la commissione ha voluto seguire la linea dell’amministrazione comunale che prevede la valorizzazione e il rilancio delle attività produttive territoriali. A tal scopo il documento concentra maggiormente la sua azione nell’area industriale del Comune capoluogo.

Grazie ad un’intensa collaborazione, durante la quale l’amministrazione regionale si è  mostrata molto disponibile al colloquio,  sono state individuate le aree retro portuali di Salerno e provincia idonee alle agevolazioni previste dall’iniziativa.

L’assessore al Bilancio infatti ci ha tenuto a ringraziare le autorità  portuali e il personale delle istituzioni locali per l’aiuto e la disponibilità concesse all’organizzazione dell’obiettivo.

Obiettivo che prevede per la prima  fase di sperimentazione anche alcune zone produttive dell’Agro nocerino sarnese e le direttrici di Salerno verso Pontecagnano-Battipaglia-Eboli. Per quanto riguarda la seconda fase invece,  che sarà di espansione, i bacini territoriali interessati saranno la Valle dell’Irno e di FiscianoCastel San Giorgio e Mercato San Severino.

Roberto De Luca, Assessore al Bilancio del Comune di Salerno,  già citato in precedenza, ha condiviso la sua opinione a proposito in un post su Facebook: “L’entrata in vigore della ZES consentirà di usufruire di agevolazioni e strumenti di sostegno agli investimenti in termini di incentivi finanziari,  sgravi ed esenzioni doganali e fiscali, semplificazioni normative ed amministrative,  che saranno successivamente definite in maniera specifica“.

Federica Ruggiero

CONDIVIDI

Studentessa di Scienze della Comunicazione (Editoria) all’Università degli studi di Salerno, 21 anni. Membro di Link Fisciano e Rete della Conoscenza.

Ancora non so cosa fare e chi diventare, quindi per ora mi limito a provare e ad iniziare a conoscere le cose che mi interessano e mi fanno stare bene: fotografia, libri, giornalismo, musica, grafica, politica, volontariato, arte, cultura.

Di recente, ho scoperto che amo volare.