Dopo la notizia circolata in questi giorni ad Acerra in cui sembra che il Consiglio Regionale della Campania, aggiornando il piano regionale dei rifiuti, prevede l’utilizzo dell’inceneritore nella sua massima capacità, il Sindaco di Acerra vede nel comunicato chiari segni di volontà di ampliamento dell’inceneritore.

il Sindaco di Acerra, infatti, ha dichiarato :«Nel pieno silenzio dei partiti, la Giunta ed il Consiglio regionale utilizzano l’espressione “pieno utilizzo del termovalorizzatore” ma noi ad Acerra temiamo che si tratti di un ampliamento. Sia chiaro noi siamo contro questa decisione. All’incremento della raccolta differenziata e della sua qualità, la Regione prevede un inspiegabile aumento dei rifiuti da bruciare. Se confermato quanto appreso, sembra un ampliamento di fatto deliberato dalla Regione rispetto a quanto autorizzato dalla stessa Regione Campania. Autorizzazione contro la quale il Comune di Acerra ha presentato ricorso. Sempre contro l’ampliamento delle vasche per le ceneri – ricorda ancora il primo cittadino di Acerra – abbiamo presentato un altro ricorso, e ci opporremo in ogni sede se questa ulteriore scelta sbagliata dovesse essere concretizzata dalla Giunta De Luca».

Il Sindaco inoltre denuncia la totale assenza delle istituzioni regionali sulla richiesta delle bonifiche dei territori chieste da anni ed a cui non si è mai data una risposta concreta.

Il Comune di Acerra si aspettava che finalmente fossero avviate le bonifiche delle aree individuate nell’accordo di programma del 2009 firmato dalla Regione, dal Comune, dal Commissariato e dal Ministero per le cui aree il Comune è già intervenuto emettendo delle ordinanze.

Il Sindaco e la comunità tutta lotteranno per arrivare fino in fondo alla questione ed ottenere le bonifiche richieste e non più rinviabili e, gli stessi, hanno lanciato un chiaro messaggio a tutti che il territorio non subirà più speculazioni politiche e l’avvelenamento a cui è stato sottoposto il territorio per anni, con gravi cponseguenze sulla salute dei cittadini.

Salvatore Annona

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteYougenio, impianti di sicurezza per tutti
Articolo successivoCerere, il pianeta dove il ghiaccio è di casa
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).

NESSUN COMMENTO