Nell’ultima partita dell’anno al “Pinto”, a disposizione della Casertana c’era un solo risultato: la vittoria. E i tre punti sono arrivati, con merito. Quello contro il Melfi era un vero e proprio crocevia della stagione: le tre sconfitte nelle ultime cinque partite avevano aggravato pesantemente la situazione di classifica dei rossoblù, il cui vantaggio sulla zona play-out si era ridotto a sole tre lunghezze. I lampi di Rajcic nel primo tempo e di Corado nella ripresa sono valsi la vittoria  ed un bel regalo di Natale. Un risultato che, si spera, possa ora dare un’iniezione di fiducia ad una squadra apparsa spesso troppo remissiva (e quasi rassegnata) nelle ultime uscite. Il 2-1 al Melfi permette ai falchetti di salire a quota 23 punti, allungando sulla zona retrocessione e, soprattutto, avvicinando sensibilmente quella play-off. In campo si è vista finalmente  una squadra attenta, compatta e soprattutto concentrata in fase difensiva, ultimamente davvero disastrosa. La consapevolezza del dover vincere a tutti i costi ha fatto sì che i calciatori mettessero in campo la giusta rabbia e determinazione per imporsi sugli avversari e portare a casa i tre punti.

LA PARTITA – Soltanto una sorpresa di formazione per Tedesco che inserisce Ramos al posto di Pezzella. Nel Melfi ben tre ex casertani: Bruno e Gragnaniello in campo dal 1’, Mangiacasale inizialmente in panchina. La Casertana parte forte e punge già all’11’ con un colpo di testa di Corado che termina di poco alto. Gli ospiti non stanno a guardare e al 17esimo sfiorano il goal: cross al centro di Defendi, Finizio tocca il pallone nel tentativo di anticipare l’avversario e Ginestra è miracoloso deviando il pallone sulla traversa ed evitando una clamorosa autorete. Il pericolo scampato sveglia la Casertana che si riversa nella metà campo avversaria: alla mezz’ora è Carlini a provarci dopo un’ottima sponda di Corado. Al 41esimo gli sforzi offensivi dei rossoblù vengono finalmente premiati: corner di Giannone e Rajcic di destro al volo insacca per l’1-0.

La seconda frazione di gioco si apre con la Casertana all’arrembaggio, in cerca del goal della sicurezza: sprint sulla sinistra di Giorno, cross per Carlini che in spaccata riesce soltanto a sfiorare senza indirizzare bene il pallone. Al 65esimo il tiro a botta sicura di Giorno viene miracolosamente salvato sulla linea di porta da Vicente. È il preludio al raddoppio che arriva, finalmente, un minuto più tardi al termine di un’azione spettacolare: scambio sulla sinistra tra Carlini e Ramos, cross al centro dell’uruguaiano per la testa del “Turu” Corado che in tuffo batte Gragnaniello. La Casertana controlla il match senza alcun affanno. Al 72esimo tutto il “Pinto” applaude l’ingresso in campo dell’ex Mangiacasale. All’89esimo i lucani accorciano le distanze con De Vena, abile a ribadire in rete dopo un grande intervento di Ginestra. È l’ultima emozione di un match vinto meritatamente dalla Casertana.

“Vittoria fondamentale”. Ha così esordito in conferenza stampa l’allenatore rossoblù Tedesco. “Avevamo  bisogno di centrare questa vittoria importante soprattutto alla luce di un periodo in cui abbiamo raccolto molto meno di quanto il campo ha espresso. Questa vittoria è frutto del lavoro svolto dai ragazzi e da parte di tutte le persone che lavorano con noi nel corso di queste settimane. La classifica? Non la guardo quando perdiamo, figuriamoci ora. Dobbiamo soltanto pensare a non abbassare mai la guardia e a migliorarci. Il cammino è ancora lungo e bisogna trovare la giusta continuità. Ho un unico rammarico: il goal subito!“.

Raggiante nel post partita anche l’attaccante argentino Corado, autore del suo quarto goal stagionale:Volevamo assolutamente questi tre punti. Siamo stati penalizzati dagli episodi nelle ultime partite e volevamo riscattarci. Sono contento di aver trovato la rete. Ma ciò non toglie che le prestazioni di un giocatore vanno valutate più ampiamente. Io, come altri miei compagni, faccio sempre tanto lavoro oscuro e questo può sfuggire a qualcuno. Per questo non mi esalto più di tanto per questo gol. Non dobbiamo esaltarci per questa vittoria come del resto non dobbiamo deprimerci ad ogni sconfitta.  Bisogna continuare così e pensare alla gara con il Monopoli. Vogliamo chiudere al meglio l’anno per poi ricaricare le batterie in vista della seconda parte di stagione”.

 Con questi tre punti sotto l’albero di Natale, la Casertana può godersi al meglio questo pochi giorni di festa. Il 29 l’ultimo impegno dell’anno, sul campo del Monopoli. La parola d’ordine: continuità. 

CASERTANA-MELFI 2-1

CASERTANA: Ginestra, Finizio, Rainone, D’Alterio, Ramos, De Marco, Rajcic, Giorno, Carlini (40’ s.t. Lorenzini), Corado, Giannone (29’ s.t. Taurino). All.: Tedesco.

MELFI: Gragnaniello, Libutti, Grea, Bruno, Obeng, Lodesani (20’ s.t.Pompilio) , Vicente, Cittadino, Defendi (26’ s.t. Mangiacasale), De Vena, Foggia. All.: Bitetto.

ARBITRO: Strippoli di Bari

RETI: 41’ pt Rajcic (C), 21’ st Corado (C), 44’ st De Vena (M)

AMMONITI: Finizio, Taurino (C) Lodesani (M)

ESPULSO: al 46’ st Finizio (C).

Ugo D’Andrea