Pochi giorni fa, tra i corridoi del Comune di Salerno, i PM Vincenzo Montemurro e Silvio Marco Guarriello, insieme alla loro squadra, hanno dato il via ad un’inchiesta sequestrando documenti, plichi e files relativi ad atti e delibere affidate dal Comune per appalti e per servizi alla cittadinanza.

L’inchiesta andrebbe ad indagare amministratori ed ex amministratori delle due ultime legislature comunali, impiegati comunali ed imprenditori. Gli indagati, come riportato dal giornale locale “Le cronache di Salerno”, sarebbero ventidue, e tra questi non ci sarebbero Vincenzo De Luca e il suo successore Vincenzo Napoli. Le fonti a proposito però risultano poco dettagliate, infatti per ora non si può parlare che di indiscrezioni.

L’indagine pone sotto analisi quindi l’intero sistema riguardando l’attività comunale del Palazzo di Città al completo. In particolare, è sotto inchiesta l’appalto dei mercatini di Natale, a cura del consorzio Buongiorno Italia, in generale tutti gli appalti riguardanti gli eventi delle festività (esclusi quelli per le Luci D’Artista), le cooperative sociali e il sito di compostaggio. Quest’ultimo risulta il caso più rilevante: il sito, a lungo gestito dalla Daneco (già finita sotto accusa per appalti illeciti grazie alla magistratura di Milano), è ora amministrato dalla Salerno Pulita. L’affidamento del sito a quest’ultima azienda è stato quasi immediatamente contestato dall’ex assessore all’ambiente Giovanni Romano, in quanto l’incarico è stato “vinto” senza una gara d’appalto di evidenza pubblica e illegittimo “perché effettuato in violazione delle vigenti norme in materia”.

Per quanto riguarda invece le iniziative proposte per le festività, oltre che sui mercatini di Natale, l’attenzione viene posta anche sul villaggio di Babbo Natale, allestito a Parco Pinocchio: un esposto è stato già presentato in Procura dall’opposizione comunale (in particolare da Roberto Celano e Ciro Russomando).

Il terreno di indagine riguarda quindi tutta la base politica ed elettorale che ha portato De Luca prima ad essere il sindaco di Salerno per quattro mandati e poi ad essere eletto Presidente della Regione Campania.

Federica Ruggiero

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli: Nato il patto che regola la movida
Articolo successivoIsraele: in attesa di Trump continua il pugno duro di Netanyahu
Studentessa di Scienze della Comunicazione (Editoria) all’Università degli studi di Salerno, 21 anni. Membro di Link Fisciano e Rete della Conoscenza. Ancora non so cosa fare e chi diventare, quindi per ora mi limito a provare e ad iniziare a conoscere le cose che mi interessano e mi fanno stare bene: fotografia, libri, giornalismo, musica, grafica, politica, volontariato, arte, cultura. Di recente, ho scoperto che amo volare.

NESSUN COMMENTO