Napoli. Quest’anno il capodanno ha riscosso un gran successo. Quello partenopeo è stato definito il migliore rispetto a quelli organizzati dalle altre province italiane.

Oltre 500.000 persone, tra napoletani e turisti, hanno festeggiato tra le meravigliose strade di Napoli. Grazie al mega concerto in Piazza del Plebiscito e alla discoteca all’aperto sul Lungomare sito in via Caracciolo -considerata la più grande d’Europa – questo Capodanno è stato definito “Indimenticabile”.

Indimenticabile si, ma anche per altri motivi. Tra le strade di Napoli si sono consumati atti vandalici che hanno deturpato alcune strade. Sono stati incendiati cassonetti della spazzatura e auto parcheggiate.

Nei pressi di Piazza Giusso, pieno centro storico, un’auto è stata incendiata davanti agli occhi di tantissime persone presenti in zona. Ad oggi, l’auto è ancora lì.

L’ Asia Napoli in una nota ha spiegato: Per Asia un bollettino di guerra con oltre 100 cassonetti e 50 campane bruciate, oltre al danno ambientale che si potrà ripristinare nei prossimi giorni, un danno economico di oltre 30.000 euro solo di attrezzature – incendiate causa fuochi incontrollati – senza contare che il rifiuto combusto per essere prelevato deve essere completamente spento e poi trattato a parte come rifiuto speciale […] per colpa di pochi stupidi, sconsiderati ed egoisti che per un momento di follia costringono in tanti a subire i danni da loro causati.

https://www.facebook.com/asianapoliofficialpage/?fref=ts

È stato importante l’intervento dei Vigili del Fuoco che, tempestivamente, hanno domato diversi incendi in tanti posti della città.

CONDIVIDI
Articolo precedenteBrasile, l’inferno di Manaus: 60 morti nella rivolta in carcere
Articolo successivoMaradona sul palco al San Carlo, si spacca la critica
Simona Pietropaolo è nata a Napoli il 3 novembre del 1993 e vive a Marano di Napoli. Studia alla facoltà di Lettere moderne dell' Universita Federico II per poter intraprendere una carriera nell'ambito del giornalismo e delle comunicazioni. Le sue passioni sono la scrittura creativa e la lettura principalmente di opere letterarie classiche e contemporanee.

1 COMMENTO

  1. E per pochi stupidi…ecc ecc. Napoli va incoraggiata, anche molto, tralasciando a volte aspetti negativi ( cassonetti bruciati e monnezza perennemente presente oltre la prepotenza delinquenziale), concentrandosi su quanto di buono e positivo c’è. Già nel titolo si nota l’accento sull indimenticabile negatività del capodanno napoletano. Sforziamoci alla positività.

Comments are closed.