La Dieta Mediterranea è un modo di alimentarsi basato sulle tradizioni alimentari di alcuni paesi del Mediterraneo tra i quali spiccano l’Italia, la Spagna, la Grecia e il Marocco. Introdotta negli anni ’50 essa fu in parte abbandonata negli anni ’70 a causa dell’avanzare di nuove diete oltreoceano ritenute più salutari e all’avanguardia per poi essere rivalutata nel 2010, anno in cui venne dall’UNESCO nell’ elenco rappresentativo dei patrimoni culturali immateriali dell’umanità.

La Dieta Mediterranea fu introdotta negli anni ’40 dal biologo e fisiologo americano Ancel Keys durante la sua residenza a Pioppi. Lo scienziato osservando il regime alimentare della popolazione locale capì che, benchè fosse ricco di grassi vegetali come l’olio di oliva, comportava un basso tasso di malattie cardiovascolari e così decise di fare da promotore di questa straordinaria dieta, che chiamò Mediterranea.

Essa si basa sul consumo di alimenti principalmente di origine vegetale, semplici, come cereali integrali, verdure e legumi, moderate quantità di carni bianche, di latte e di pesce, olio d’oliva. Solo saltuariamente ammette prodotti raffinati, carni grasse e alcolici che causano gravi ripercussioni fisiche tra cui il colesterolo e il diabete.

Il magnesio è l’elemento chiave che ha portato al successo la Dieta Mediterranea. Verdure a foglia, frutta secca col guscio, pesce e cereali integrali sono, infatti, ricche di questo minerale. E’ scientificamente provato che un’alimentazione ricca di magnesio consente di ridurre del 10% il rischio di malattie cardiovascolari, del 12% di ictus e del 26% di diabete di tipo 2.

Oggigiorno la vita frenetica che conduciamo comporta l’assunzione di numerose calorie e un’ alimentazione sana. Sfruttando i nostri prodotti tipici e imparando a bilanciare i vari alimenti in modo leggero e nutriente è possibile realizzare una dieta equilibrata senza rinunciare a nessun cibo fondamentale.

Eugenio Fiorentino

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl mondo dei compro auto: una realtà in crescita
Articolo successivoIl Genoa si tatua De Andrè sulla divisa
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO