La Gesema Spa è un’azienda che opera sul territorio di Mercato San Severino, per cui lavorano 75 operai. A fine Dicembre ha raggiunto un livello di crisi tale da dichiarare il fallimento.

La crisi della Gesema era iniziata qualche anno fa e nel mese di Settembre 2016 gli operai della sezione ambiente avevano organizzato uno sciopero per denunciare il mancato pagamento delle mensilità arretrate. A Novembre Patrizia Frallicciardi (Pd) scriveva di un “complotto”, in seguito alla pubblicazione di un comunicato stampa sulla questione da parte delle Liste Civiche per S. Severino: “Addurre il disastro finanziario che le varie Amministrazioni comunali hanno prodotto in questi anni al “dissennato sciacallaggio politico iniziato alcuni anni fa” è altamente lesivo della vostra onestà intellettuale, qualora ve ne sia ancora traccia, ed una offesa all’intelligenza dei dipendenti Ge.Se.Ma. e, più in generale, della cittadinanza. Ulteriore ignobile delirio, la certezza che alla bocciatura del piano di risanamento aziendale abbiano contribuito attacchi e pressioni politiche ostili..” – un clima ostile che prepara il campo alle Comunali del 2017.

Dopo aver appurato che la situazione economico – finanziaria non avrebbe permesso un concordato di continuità aziendale, è stata presentata istanza di autofallimento (ex art. 14) al Tribunale di Nocera Inferiore, con relativa documentazione. Il 30 Dicembre si è tenuto un incontro tra i vertici della municipalizzata, i lavoratori, i sindacati ed il commissario prefettizio per discutere dell’istituzione di un nuovo bando che avrebbe permesso l’individuazione di un’altra azienda per sostituire la Gesema. Le famiglie, ovviamente, hanno salutato il 2016 con forti dubbi rispetto alla possibilità di assorbimento totale del personale, che conta 75 persone tra il settore ambiente e patrimonio, presso una qualsiasi nuova azienda.

Il 3 Gennaio è avvenuto un incontro tra i sindacati, tra cui CGIL (Angelo De Angelis, Erasmo Venosi), UILTEC (Alessandro Antoniello, Domenico D’Arienzo), FILCTEM CGIL (Giovanni Berritto, Aldo Iannone), i vertici rappresentanti dall’amministratore delegato Daniele Meriani ed il commissario Prefettizio Fulvia Zinno, in cui è emersa la necessità di diminuire i servizi gestiti, con eventuale riduzione del personale in esubero.

Oggi, invece, spunta la notizia, pubblicata da PuntoAgroNews.it, che l’azienda operante nel comune di Fisciano, la Fisciano Sviluppo, a partire da lunedì, offrirà sostegno alla Gesema, sprovvista delle autorizzazioni per la circolazione con i propri mezzi sul territorio di competenza. La collaborazione tra le due aziende continuerà fino all’individuazione di una nuova ditta, questa volta privata. Soltanto 30 dei 75 lavoratori potrebbero essere riassunti, coloro, cioè, che sono impegnati nel settore ambiente.

Sara C. Santoriello 

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Genoa si tatua De Andrè sulla divisa
Articolo successivoSantobono, mancano letti e strumenti
Rappresentante degli studenti nel Consiglio Didattico di Scienze Politiche all'Università degli studi di Salerno (2015-2017). Consigliere del Forum dei Giovani di Cava De' Tirreni. Membro della Direzione Nazionale dell'Unione Degli Studenti (biennio 2014-2016). Esecutivo di Link Fisciano (2016-2018). Segretaria della CPS (biennio 2011-2013). Reporter per AsinuPress e LiberoPensiero. Per Polis SA Magazine gestisce la rubrica "Around The Corner".