Si è svolta a Zurigo la cerimonia per  The Best Fifa Football Awards che ha visto l’assegnazione dei premi ai protagonisti del mondo del calcio che si sono contraddistinti durante il 2016. Tante sono state le categorie premiate: dal miglior calciatore alla miglior calciatrice, passando per gli allenatori, tifoserie e gol più bello. L’evento in formato “Notte degli Oscar” è stato fortemente voluto dal neo presidente Fifa Gianni Infantino, dopo la separazione del Fifa Footbal Player dal Pallone d’Oro France Football. Il sistema di voto è sempre suddiviso fra i tifosi, giornalisti, capitani e allenatori delle nazionali appartenenti alla FIFA. Cambia, però, il design del trofeo, più simile alla Coppa del Mondo, grazie al lavoro dell’ex Milan Zvominir Boban e dall’artista Ana Barbic. Tanti, infine, i campioni del passato ospiti al galà con il compito di premiare i vincitori. Ronaldo, Shevchenko, Batitusta e Maradona erano solo alcuni delle leggende del calcio presenti.

TRIONFI – “The Best FIFA Men’s Player Award” non poteva non essere  assegnato a Cristiano Ronaldo, che dopo il Pallone d’Oro si aggiudica un altro importante riconoscimento. Il portoghese è reduce da una stagione trionfale, conquistando prima la Champions League con il Real Madrid poi i campionati europei con il Portogallo, dove, pur  disputando solo pochi minuti nella finale di Parigi a causa di un infortunio, è risultato decisivo soprattutto nella semifinale contro il Galles del suo compagno di club Gareth Bale, segnando il primo dei due gol con cui i lusitani hanno superato la nazionale britannica. L’asso delle merengues, dunque, ha preceduto l’eterno rivale Lionel Messi e l’attaccante dell’Atletico Madrid, Antoine Griezmann. Ronaldo e Messi fanno parte anche del FIFPro XI, il miglior undici dell’anno, dove a parte Neuer e il neo juventino Dani Alves si annoverano solo calciatori di Real Madrid (Ramos, Marcelo, Kroos e Modric) e Barcellona (Piquè, Iniesta e Suarez).
“The Best FIFA Women’s Player Award”, invece, è andato a Carli Lloyd, centrocampista statunitense degli Houston Dash, mentre come migliore allenatrice è stata premiata Silvia Neid, ct della nazionale tedesca con cui ha conquistato la medaglia d’oro ai recenti giochi olimpici di Rio.

Fifa

GIOIA ITALIA – L’unico italiano a essere premiato è stato l’allenatore del Leicester dei miracoli, Claudio Ranieri. Il tecnico romano, visibilmente emozionato, ha avuto la meglio su Zinedine Zidane, che ha guidato dalla panchina il Real alla sua undicesima Champions, e Fernando Santos, autore con il Portogallo di un altro miracolo sportivo. Riconoscimento prestigioso per Ranieri che con i Foxes la passata stagione è stato protagonista di una delle favole più belle che il mondo del pallone abbia mai regalato ai suoi appasionati. Vincere la Premier League con una formazione, che a inzio stagione aveva come obiettivo la salvezza, è stato il giusto premio alla carriera di un gentleman del nostro calcio.

ALTRI PREMI – Il gol più bello, “The FIFA Puskás Award“, è stato quello di Mohd Faiz Subri, calciatore malese autore di una punizione spettacolare; “The FIFA Fan Award” è andato ai supporters di Liverpool e Borussia Dortmund, che intonarono congiuntamente “You’ll Never Walk Alone” ad Anfield Road nel ritorno dei quarti di finale di Europa League. Ha ricevuto un premio alla carriera, inoltre, il campione di Futsal, Falcão. Momento di commozione, infine, si è avuto alla consegna del FIFA Fair Play Award all’Atlético Nacional. La formazione colombiana, che avrebbe dovuto disputare la finale di Copa Sudamericana contro la Chapecoense, ha per prima proposto di assegnare direttamente il trofeo continentale alla sfortunata società brasiliana.

fonte immagini: www.fifa.com

Ivan D’Ercole

CONDIVIDI
Articolo precedenteAddio a Zygmunt Bauman
Articolo successivoMosul: la battaglia decisiva tre mesi dopo
Laureando in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Napoli Federico II, amo la storia e nutro un profondo interesse per la politica e la geopolitica. Lo Sport è la mia passione, il Calcio la mia vita, conoscere e raccontare le sue storie più belle il mio obiettivo.