Il freddo polare che nell’ultima settimana ha colpito duramente la Campania continua a creare diversi disagi; in particolar modo alle scuole, che stanno mostrando, ancora una volta problemi di sicurezza ed efficienza.

A Napoli e provincia, per gli studenti, il rientro dalle feste natalizie non è stato dei migliori.
”Stamattina – dice Giuseppe Cuccurese, rappresentante degli studenti del Liceo G.Garibaldi – abbiamo indetto un sit – in, per esprimere il nostro dissenso nei confronti della Città metropolitana, la quale nonostante le innumerevoli sollecitazioni fatte a Novembre per richiedere l’accensione dei riscaldamenti ci ha prontamente ignorati”.
Cuccurese, poi rincara la dose: ”Siamo costretti a svolgere le lezioni con temperature poco consone ed insieme alla nostra Dirigente Scolastica abbiamo deciso di richiamare ulteriormente l’attenzione delle istituzioni circa le nostre condizioni per ottenere finalmente dei riscontri positivi”.
Dalla Città metropolitana fanno sapere che entro 10 giorni la situazione dovrebbe tornare alla normalità, intanto gli studenti per difendersi dal freddo hanno deciso di acquistare alcune stufe elettriche che serviranno a tamponare momentaneamente l’emergenza.

All’ITC Giustino Fortunato invece, la temperatura dei riscaldamenti era a 50g sotto la media e dopo la protesta degli studenti è tornata a 70g. ”E’ stata mantenuta la calma – dichiarano gli studenti del collettivo – poi abbiamo organizzato la protesta per far ascoltare alle istituzioni la nostra voce, così da ottenere ciò che chiedevamo”.

All’ITI Augusto Righi di viale Kennedy, gli studenti alla redazione di Libero Pensiero News fanno sapere che i riscaldamenti vengono puntualmente spenti tra le 12:00 e le 12:30, nonostante l’orario d’uscita delle classi, due giorni a settimana è alle ore 15:00, oltre agli alunni impegnati nel serale.
I rappresentanti del Righi aggiungono poi che, dopo alcune verifiche presso l’ufficio tecnico, il problema non riguarda la scuola, ma la Città metropolitana.

Il Presidente della Consulta Provinciale degli Studenti di Napoli, Alessandro Ruslans Fusco aggiunge: ”Ho appena contatto la Città Metropolitana per chiedere l’Ordinanza di chiusura delle Scuole e mi hanno comunicato che tale misure alle valutazioni tecniche non si è rivelata necessaria. Quindi ora armiamoci di buona volontà e segnaliamo i malfunzionamenti dei termosifoni, la loro insufficienza o la loro totale assenza di funzionamento. Pertanto accoglieremo ogni segnalazione di ogni Istituto della Provincia e lo segnaleremo all’ente metropolitano”.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteKodak: “Stiamo tornando indietro”
Articolo successivoNapoli – Spezia: Arriva la Coppa Italia
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II