A Secondigliano e a Pianura si continua a sparare.

Due episodi spaventosi, che probabilmente hanno a che fare con il controllo del traffico di droga. Tre persone coinvolte in due sparatorie, nessuno però è in pericolo di vita.

A Secondigliano sono stati sparati Emilio Barone, 26 anni, e Massimo Bosco, 44 anni. La vicenda accade intorno alle ore 20 di ieri, nei pressi del supermercato Conad, proprio sul corso di Secondigliano. Due killer in moto, sparano dinanzi alla folla. I due non sono stati ancora identificati dalla polizia locale.

Entrambe le vittime, invece, hanno precedenti penali: Barone per traffico di stupefacenti e Bosco per reati di estorsione. Secondo le indagini preliminari effettuate dai Carabinieri e dalla polizia, le due vittime si conoscono e probabilmente entrambi sono coinvolti in qualche affare comune.

Come sempre, la folla presente al momento dell’accaduto, ha dichiarato di non aver visto nulla. Nessun testimone oculare, dunque, ha aiutato il dirigente Fausto Lamparelli per le indagini.

A Pianura, poi, ancora un altro agguato, a pochi minuti dopo quello di Secondigliano. Un uomo, coperto in volto da un casco integrale, entra all’interno del bar Havana e spara ad Antonio Liberte, 47 anni.

Il killer non è stato identificato e nemmeno in questo episodio, le persone che erano all’interno del bar di Pianura hanno saputo dare alcuna testimonianza utile agli uomini della mobile.

Anche Liberti, come Barone e Bosco, aveva già precedenti penali.

Si torna a sparare, dunque, a Napoli, a soli sei giorni dalla sparatoria in pieno giorno a Forcella.

Simona Pietropaolo

CONDIVIDI
Articolo precedente“Parole di Memoria” al Pierrot di Ponticelli
Articolo successivoDe Andrè e Melato, la Tv li omaggia
Simona Pietropaolo è nata a Napoli il 3 novembre del 1993 e vive a Marano di Napoli. Studia alla facoltà di Lettere moderne dell' Universita Federico II per poter intraprendere una carriera nell'ambito del giornalismo e delle comunicazioni. Le sue passioni sono la scrittura creativa e la lettura principalmente di opere letterarie classiche e contemporanee.

NESSUN COMMENTO