La caduta degli alberi, oltre a sconvolgere il paesaggio urbano di numerose località, comporta danni enormi a edifici pubblici e privati, veicoli, disagi alle famiglie e rischi per l’incolumità delle persone.

Controllare lo stato di salute degli alberi è fondamentale per la sicurezza dei cittadini, ma, purtroppo, a molti comuni italiani mancano le risorse per farlo. A fronte di questa situazione un team composto da quattro ingegneri e un designer esperti di ‘’Internet delle cose’’ ha messo a punto Tree Voice, un sistema di monitoraggio ambientale. Grazie a dei sensori di vibrazione installati sulle piante è possibile eseguire controlli a distanza relativi al loro stato di salute e un’analisi in grado di predire eventuali cedimenti.

Con questa soluzione è possibile lavorare sulla prevenzione ottimizzando personale e risorse a un costo più che dimezzato. La responsabile marketing Sara Loi ha spiegato in breve come funziona: «Il nostro sistema consiste nel posizionare su ogni albero un sensore wireless che ne misura le vibrazioni e trasmette i dati a un computer centrale. Chi si occupa di verde urbano può così leggere dalla scrivania i dati in tempo reale e monitorare anche le serie storiche, per capire se la pianta sta diventando meno stabile nel tempo.»

 Tree Voice è dotato di due componenti: uno hardware e uno software. La parte hardware consente di apprendere le informazioni, inviarle a un gateway e immagazzinarle in una struttura cloud, mentre quella software permette agli utenti di leggere i dati sia in tempo reale che quelli raccolti in precedenza. Grafici e dashboard aiuteranno i clienti a leggere e gestire l’archivio elettronico con estrema facilità.

La startup romana è stata selezionata da Tim, da cui ha ricevuto un finanziamento a fondo perduto di 40mila euro, per entrare a far parte del programma di accelerazione Tim WCap. In futuro verranno aggiunte nuove funzioni per prevenire il ph, la presenza di insetti, sistemi per prevenire incendi e misurare il livello di inquinamento dell’aria. Il team sembrerebbe, quindi, intenzionato a migliorarsi ed offrire soluzioni sempre più innovative.

 Vincenzo Nicoletti

CONDIVIDI
Articolo precedenteMosul: la battaglia decisiva tre mesi dopo
Articolo successivo“Un popolo in cammino” per combattere la camorra

Vincenzo Nicoletti nasce l’11 dicembre 1994 a Vallo della Lucania e si trasferisce con la famiglia a Brescia dove attualmente vive. Da sempre appassionato di lettura, viaggi, diritti umani e ambiente ha sviluppato una forte curiosità per il mondo che lo circonda nelle sue molteplici sfaccettature. Collabora con Libero Pensiero News come coordinatore della sezione Scienza.