A causa delle mareggiate provocate dal maltempo in questi giorni è in atto uno spiaggiamento straordinario delle tartarughe della specie Caretta caretta lungo le coste abruzzesi.

Numerose le segnalazioni al Centro Studi Cetacei Onlus di Pescara da parte dei cittadini locali che durante le feste passeggiavano lungo i litorali innevati. Tra Roseto, Pineto, Silvi, Montesilvano, Francavilla e Ortona i volontari in collaborazione con le Capitanerie di Porto, i Servizi Veterinari delle Asl e l’Istituto Zooprofilattico hanno rinvenuto otto carcasse dell’animale. Un giovane esemplare di tartaruga è stato trovato in vita a Roseto degli Abruzzi e affidato ai veterinari del Centro di Recupero e Riabilitazione Luigi Cagnolaro di Pescara per le cure.

’’Il fenomeno è destinato a protrarsi per alcuni giorni. Le condizioni meteomarine e l’intensa attività di pesca nel precedente periodo festivo sono probabilmente alla base di questo spiaggiamento straordinario. Gli animali se non soccorsi adeguatamente possono perdere la vita.’’ ha spiegato il presidente del Centro Studi Cetacei onlus di Pescara Vincenzo Olivieri.

L’impatto con alcuni sistemi di pesca è stato fatale per molti esemplari di tartarughe. La maggior parte rimane impigliata nelle reti e non riesce a tornare in superficie a respirare, altre ingeriscono ami e materiali plastici oppure subiscono urti con imbarcazioni e natanti.

La specie Caretta caretta è fortemente minacciata ed è al limite dell’estinzione nei mari italiani. Numerose le direttive internazionali volte a proteggere questo magnifico gigante marino tra cui la Direttiva Habitat, ma l’Italia è ancora priva di una normativa nazionale. Il Centro Studi ha invitato i cittadini a comunicare eventuali avvistamenti dell’animale e il Governo a varare linee guida per la tutela delle tartarughe marine e del mare.

Vincenzo Nicoletti

CONDIVIDI
Articolo precedenteQuanti bambini ha ucciso la camorra?
Articolo successivoAcerra, il termovalorizzatore e la risposta di Galletti

Vincenzo Nicoletti nasce l’11 dicembre 1994 a Vallo della Lucania e si trasferisce con la famiglia a Brescia dove attualmente vive. Da sempre appassionato di lettura, viaggi, diritti umani e ambiente ha sviluppato una forte curiosità per il mondo che lo circonda nelle sue molteplici sfaccettature. Collabora con Libero Pensiero News come coordinatore della sezione Scienza.