Si è tenuta ieri nel tardo pomeriggio l’inaugurazione della terza edizione de ‘I colori della poesia’: tante le persone presenti alla cerimonia d’apertura della collettiva pomiglianese che, ancora una volta, ha dimostrato di saper cogliere, attraverso sensibilità diverse, i tanti significati emozionali di cui l’arte si fa portatrice.

Nella sala conferenze de La Feltrineloint – La Distilleria, alla presenza dell’Assessore alla Cultura del comune di Pomigliano, Franca Trotta, hanno preso la parola i due organizzatori, Annamaria Pianese e Mario Volpe che, dopo giorni di duro lavoro, possono dirsi soddisfatti dei risultati ottenuti: “è davvero incredibile come un’idea, nata da una riunione ristretta — afferma Mario — possa tramutarsi dapprima in un semplice progetto e poi in una manifestazione vera e propria, in grado di coinvolgere persone, scuole, associazioni, di abbracciare culturalmente l’intera area vesuviana e non solo”. E infatti, ad esporre a ‘I colori della poesia’, vi sono anche artisti provenienti dal Nord Italia, individuati mediante il contributo dell’Archivio monografico dell’Arte italiana.

Le opere scelte sono quelle di pittori, scultori e fotografi particolarmente inclini alla ricerca e alla sperimentazione, volti ad un’analisi del reale che sia originale e, al contempo, attuale: come ha sottolineato il direttore artistico Giovanni Balzano — citando per l’occasione Baudelaire e la sua innovativa accezione d’avanguardia — scopo della rassegna è quello di promuovere la libertà dell’estro contro i vincoli accademici e i limiti imposti dall’arida compartimentazione delle arti.

I primi a fotografare con estrema perizia le creazioni protagoniste de ‘I colori della poesia’ (tra le quali compare il dipinto ‘Ok – Sole – Luna del maestro Enzo Marino) sono stati gli studenti del Liceo Torricelli di Somma Vesuviana: saranno intense la partecipazione e la collaborazione dei giovani dell’istituto, decisi a dar vita, con il supporto degli insegnanti di Storia dell’Arte, a un vero e proprio catalogo della rassegna, con tanto di commenti e sottili recensioni.

Nel corso della cerimonia è intervenuto anche il fisico e poeta Bruno Galluccio che, interpretando due componimenti tratti dalla sua ultima raccolta ‘La misura dello zero’, ci ha donato un piccolo assaggio dei reading di poesia che si terranno nei giorni avvenire, giorni che si preannunciano ricchi di emozioni e di sorprese.

Non siamo dunque che all’inizio, eppure pare che Annamaria Pianese e Mario Volpe abbiano già colto nel segno: quando a muoverci è la passione, tutto quel che si fa diventa arte.

Anna Gilda Scafaro

CONDIVIDI
Articolo precedenteAuto, grazie alla connettività più vite salvate e meno CO2
Articolo successivoA Napoli la Street Art diventa “Bene comune”
Laureata in Lettere Moderne e specializzanda in Filologia Moderna presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, Anna Gilda Scafaro aspira a diventare una buona insegnante e una valida giornalista. Appassionata di scrittura e amante dei libri, nutre un forte interesse per l’Arte in tutte le sue sfaccettature più belle e complicate. Sogna di visitare i più rinomati musei europei e mondiali e di viaggiare alla scoperta delle storie più arcane e affascinanti che si celano nel cuore delle grandi e piccole città. Attualmente scrive per Libero Pensiero News, occupandosi della sezione Cultura.

NESSUN COMMENTO