Dopo la bella vittoria in Coppa Italia per 3-1 sullo Spezia, il Napoli si prepara ad ospitare il Pescara di Massimo Oddo. Gli azzurri vogliono continuare a viaggiare sull’ottima scia di questo inizio di campionato. Gli abruzzesi, che non hanno giocato alla ripresa contro la Fiorentina, a causa dell’inagibilità dello stadio Adriatico per via della neve, sognano la prima vittoria stagionale.

QUI NAPOLI: E’ un Napoli molto concentrato quello che arriva alla sfida del San Paolo. A Castelvolturno i ragazzi di Sarri non hanno ancora dimenticato la partita d’andata. Il pareggio, il rigore concesso e poi negato e la bruttissima prestazione offerta nel primo tempo bruciano ancora. Se poi a ciò si aggiunge che in città (e forse allo stadio) c’è un ospite d’eccezione come Diego Armando Maradona, la voglia di fare bene aumenta.

Alla vigilia ha parlato Maurizio Sarri che, in conferenza stampa, ha tenuto alta l’allerta dei suoi nei confronti dei ragazzi di Massimo Oddo, che fanno del palleggio il loro punto di forza:” E’ la squadra che ci ha messo più in difficoltà quest’anno e che è riuscita a ripetersi con Roma e Milan. Tra quelle di bassa classifica sono quelle con il palleggio migliore e per questo sono molto pericolosi. Dovremo stare attenti“. Il mister ha, inoltre, auspicato la presenza allo stadio di Diego Armando Maradona , che però sarà di scena al teatro San Carlo alle 21,00: “Maradona secondo me sta meglio dentro uno stadio. Vederlo al San Paolo sarebbe superiore che vederlo a teatro. Credo che lui abbia le chiavi del San Paolo. Deciderà lui se venire o meno è il proprietario“.
Contento del recupero fisico di Milik che, però, è solo “teorico”: “Dovrà recuperare adesso la migliore condizione. Ha grande professionalità e dedizione, c’è grande fiducia sul fatto che ci siano tempi contenuti per rivederlo in campo“.
Su Gabbiadini, dato per sicuro partente dallo stesso agente, Sarri risponde :” Si è fatto trovare pronto quando è stato chiamato. Per me non è cambiato nulla rispetto a 4 giorni fa”
Pochi i dubbi di formazione che riguardano i soliti ballottaggi in mediana tra Jorginho e Diawara e le due mezz’ali Allan e Zielinski con i secondi leggermente in vantaggio. Confermata la presenza di Strinic che con lo Spezia ha accusato solo crampi, incerta quella di Chiriches, che Sarri valuterà nella rifinitura. Difficile l’impiego di Pavoletti dal primo minuto, ancora fuori condizione. Quasi certo quello di Mertens che si gioca con Gabbiadini, in gran forma e con la valigia in mano, un posto da titolare.

QUI PESCARA: Inizia il 2017 del Pescara, che è ancora in cerca della prima vittoria sul campo in questo campionato. La formazione di Oddo ha vinto solo una volta, contro il Sassuolo, a causa di un cavillo burocratico riguardo l’impiego di Ragusa da parte degli Emiliani. Gli abruzzesi vinsero 3-0 a tavolino una partita persa 2-1.
Il Pescara ha offerto, tuttavia, un ottimo calcio non sempre ripagato dai risultati. Colpa di quel finalizzatore che dalle parti dell’Adriatico è mancato fino a questo mercato e che ora è alle dipendenze dei delfini: Alberto Gilardino. L’ex campione del mondo potrà dare una grande mano in termini di gol ed esperienza, ai giovani ragazzi di mister Oddo, suo compagno di squadra al mondiale 2006.
Proprio Oddo ha così parlato della sfida del San Paolo nella conferenza della vigilia: “Contro il Napoli sarà difficile, ma non dovremo chiuderci. Cercheremo di essere bravi nelle ripartenze e attenti quando ci attaccheranno. Non è più la squadra dell’andata ma ha molte certezze in più“.

Grandissimo rammarico per il numero d’indisponibili a causa dei tanti infortuni che hanno decimato i suoi ragazzi: ”Abbiamo 9 infortuni, di cui 5 per scontri di gioco, purtroppo è un periodoccio“.

Oddo
Oddo

Pochi , dunque, i dubbi di formazione e certa la difesa a 3 composta da Stendardo, Coda e Crescenzi:” Non abbiamo moduli prestabiliti. La difesa a 3 può essere non è una scelta definitiva, ma una valida alternativa. In questo momento ho solo 3 difensori , dunque, sono costretto a giocare così”. Ottima, infine, l’impressione su Gilardino:”E’ il giocatore che ci mancava”.

Fonte immagini in evidenza: http://www.sscnapoli.it/http://www.legab.it/

Giovanni Ruoppo