Il settore Politiche della montagna e della fauna selvatica della Liguria ha proclamato lo stato di grave pericolosità per tutta la Regione a causa dei vasti incendi che hanno interessato nelle scorse ore  Monte Moro e Fasce, Nervi e Apparizione, San Bartolomeo di Sori e Val Varenna alle spalle di Pegli. Dai primi giorni di gennaio 50 ettari di bosco sono andati in fumo nelle aree in provincia di Genova,  Savona e Imperia.

Nei giorni scorsi tredici persone erano state costrette a lasciare le loro abitazioni perché minacciate dall’incendio di Via della Fassa a Nervi e altre sei persone sono state evacuate in via Bettolo. Tutti gli sfollati sono rientrati nelle rispettive abitazioni. Le fiamme si stavano avvicinando al centro di riabilitazione dell’ex ospedale di Nervi con 67 pazienti per le quali era pronto un piano di sgombero, ma fortunatamente non ci sono stati danni alla struttura.

Il tratto dell’autostrada A12 tra Recco e Nervi era stato ripetutamente chiuso a causa del fumo che invadeva le corsie minacciando l’incolumità degli automobilisti. Bloccata anche l’Aurelia  fra Genova e Recco. Decine di veicoli rimasti fermi nel traffico nelle ore di punta per il rientro a casa. Entrambi i tratti di strada sono stati poi riaperti una volta rientrato lo stato di allarme.

Secondo le prime ipotesi gli incendi in questione avrebbero un’origine dolosa e sarebbero stati favoriti dalle condizioni di particolare secchezza del terreno e della vegetazione e dal forte vento di questi giorni. 5 squadre di vigili del Fuoco sono state inviate nelle zone interessate ed altre sono ancora attesa.

A Nervi sono arrivati anche il sindaco di Genova Marco Doria e il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti per  monitorare le zone ad alto rischio incendi.  L’assessore regionale all’Agricoltura  Stefano Mai ha ringraziato il personale coinvolto e assicurato che la situazione è sotto controllo e che i cittadini possono stare tranquilli.

Vincenzo Nicoletti

CONDIVIDI
Articolo precedenteMLK Day, Golden State si impone contro Cleveland
Articolo successivoVilla Giaquinto, I anno di governo popolare
Vincenzo Nicoletti nasce l’11 dicembre 1994 a Vallo della Lucania e si trasferisce con la famiglia a Brescia dove attualmente vive. Da sempre appassionato di lettura, viaggi, diritti umani e ambiente ha sviluppato una forte curiosità per il mondo che lo circonda nelle sue molteplici sfaccettature. Collabora con Libero Pensiero News come coordinatore della sezione Scienza.