Il Protocollo d’Intesa per la realizzazione del Progetto di riqualificazione di Piazza del Plebiscito e dei suoi spazi ipogei è stato sottoscritto questa mattina dal sindaco Lugi De Magistris congiuntamente con il Prefetto di Napoli Dr.ssa Gerarda Maria Pantalone, il direttore Centrale per l’Amministrazione del FEC del Ministero dell’Interno Prefetto Angelo Carbone e il direttore Regionale Agenzia del demanio Dr. Edoardo Maggini.

La volontà delle parti è di proseguire nell’impegno di riqualificazione non solo della Piazza, ma anche dei locali del colonnato e dello spazio ipogeo presente al di sotto della Chiesa di San Francesco di Paola.

Il progetto prevede, inoltre, la concessione a titolo gratuito di questi spazi da parte dell’Agenzia del Demanio al Comune di Napoli al fine di destinarli a luogo per esposizioni museali interattive, conferenze, convegni, seminari, rassegne d’arte, mostre e manifestazioni culturali.

L’accesso al Museo è previsto attraverso i locali del colonnato ai civici 6 e 7 di Piazza Plebiscito che sono di proprietà del Fondo Edifici Culto al quale il Comune garantirà la corresponsione annuale di una percentuale del 10% dell’incasso derivante dalla bigliettazione per l’accesso alle iniziative organizzate nell’ipogeo.

Il Progetto di riqualificazione di Piazza del Plebiscito e dei suoi spazi ipogei presentato dal Comune è stato discusso e approvato oggi, 26 gennaio, all’interno del Tavolo Tecnico che si è riunito presso la Prefettura e al quale hanno partecipato il Comune di Napoli, la Curia, il Provveditorato alle OO.PP, la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Napoli, l’Agenzia del Demanio e il FEC.

L’obiettivo principale dell’accordo è quello di realizzare un progetto comune adottando un approccio sì partecipativo, ma che disciplini e chiarisca i termini dei reciproci impegni tra tutti gli Enti coinvolti. Il Comune si è fatto carico di tutta l’organizzazione, realizzazione e gestione finanziaria del progetto di miglioramento della famosa Piazza e degli spazi Ipogei che hanno un altissimo valore culturale, artistico e sociale per i cittadini napoletani e per tutta l’umanità.

Mara Alessandra Zita

CONDIVIDI
Articolo precedenteEdilizia scolastica: protesta studentesca nell’alto casertano
Articolo successivo“Confederazione degli Studenti e Universo bocciano la nostra proposta per incrementare i lettori madrelingua”
Nata il 19/06/1997 a Bad Neuenahr, in Germania, da madre portoghese e padre italiano. Influenzata fin da piccola da tante culture e lingue diverse, sono cresciuta con una mente aperta e con voglia di viaggiare e scoprire. Fin da piccola ho coltivato la passione per la lettura, che pian piano si è ampliata lasciando spazio a quella per la scrittura. Mi sono trasferita in Italia, nella meravigliosa terra cilentana e mi sono diplomata al liceo linguistico nel 2016. Oggi sono iscritta alla facoltà di "culture digitali e della comunicazione" alla Federico II, a Napoli, una città che amo alla follia e che mi ha adottata immediatamente, facendomi sentire sempre a casa. Cosa voglio fare da grande? Viaggiare,scrivere, battermi per i miei diritti e fare un lavoro che amo, magari la giornalista!

NESSUN COMMENTO