Il Napoli non riesce ad agganciare la Roma al secondo posto, dopo che quest’ultima è uscita sconfitta a Marassi contro la Sampdoria. Una partita sulla carta facile si è rivelata molto complicata dopo pochi minuti.

La squadra di Sarri era fiduciosa nella possibilità di vincere, forse sottovalutando eccessivamente la pericolosità dell’avversario nonostante l’attenzione che lo stesso mister azzurro ha professato nelle conferenze pre partita. Pronti via e dopo 6 minuti il Palermo passa in vantaggio con un goal di testa di Nestorovsky che sfrutta il solito errore di posizione di Hysaj che non è nuovo a questi errori in condizioni analoghe. Purtroppo il Napoli si è trovato sin da subito nella situazione che gli è risultata sempre più complicata negli ultimi anni: affrontare una squadra con nove undicesimi dietro la linea della palla. Ed infatti si va avanti con il netto predominio territoriale degli azzurri che, però, non riescono a trovare il goal. Il primo tempo si chiude con il Palermo in vantaggio tra lo stupore dei tifosi giunti al San Paolo. Nel secondo tempo i padroni di casa partono con maggior vigore ma il grande muro difensivo degli ospiti non lascia spazi. Bisogna attendere una papera del portiere palermitano che su tiro di Mertens si lascia passare la palla tra le gambe e lascia siglare al Belga il suo tredicesimo goal in campionato.

Il blocco difensivo del Palermo però non cede e sotto il forcing azzurro tiene bene il campo ma non i nervi, chiudendo gli ultimi minuti con una giusta espulsione di Goldaniga per un brutto intervento su Mertens.

Nemmeno nel recupero il Napoli riesce a segnare il goal vittoria.

Insigne in un’occasione sciupata contro il Palermo

Grande delusione per un pareggio contro la squadra penultima in campionato e chiusura di un ciclo di risultati importantissimi con l’ennesimo passo falso nella ennesima prova di maturità attesa dagli azzurri.

Le pagelle

Reina 6. Inoperoso.

Ghoulam 5. Sbaglia tutti i cross possibili e dalla sua parte arriva l’assist per il goal avversario. Forse troppo azzardato schierarlo subito al rientro dalla coppa d’Africa.

Hysaj 5. Non è la prima volta che il Napoli prende goal su sua inutile rincorsa con posizione sbagliata sull’attaccante.

Maksimovic 5,5. Nella fase finale del match si avventura in un paio di lanci completamente privi di senso.

Albiol 5,5. Ritmi blandi.

Jorginho 5,5. Buone geometrie nel primo tempo.

Hamsik 5,5. Bene tra le linee nel primo tempo. Ralenta anche lui nella ripresa.

Allan 5. Confusionario. Sostituito da Zielinski che offre maggior concretezza.

Insigne 5,5. Buoni spunti ma si perde nei raddoppi avversari.

Mertens 6. Non riesce a muoversi nel groviglio di uomini in rosa. Ha il merito di segnare il goal del pareggio, Senza la papera di Posavec, forse avremo raccontato di una cocente sconfitta.

Callejon 5,5. Svolge sempre ordinatamente il suo compito, anche se parisce nel secondo tempo.

Il subentrato Pavoletti non riesce a dare il contributo atteso (5 il voto per lui).

Salvatore Annona

CONDIVIDI
Articolo precedentePazzini e Luppi fanno volare il Verona: Salernitana ko 2-0
Articolo successivoArt City White Night sveglia Bologna
Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale. Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).