Napoli. Intesa raggiunta tra l’Assessorato alla Qualità della vita e alle Pari opportunità e l’Accademia delle Belle arti di Napoli per il decoro urbano.

Il piano è stato presentato lo scorso 2 febbraio in una conferenza tenutasi nella prestigiosa Aula Magna dell’Accademia e prevede, in collaborazione con gli studenti della scuola di Progettazione Artistica  per l’Impresa, una serie di iniziative nell’ambito dell’arredo e del miglioramento del decoro urbano.

Presenti l’assessore alla Qualità della Vita e alle Pari Opportunità Daniela Villani, il  Prof. Giuseppe Gaeta direttore dell’Accademia e il Prof. Marcello Pisani, referente dell’iniziativa, i quali hanno esposto i termini del progetto e la pianificazione della collaborazione:

“Il progetto di studio che interesserà sia le nuove centralità che il centro città, diventerà un format di successo da applicare anche ad altri quartieri. L’intento è quello di migliorare la qualità della vita, soffermandosi sulla tesi secondo cui il benessere dell’individuo è sempre connessa al suo abitare in un ambiente favorevole, promuovendo così lo sviluppo di processi maturativi innati e virtuosi, e soprattutto la giovane creatività, tutta Made in Naples, degli studenti dell’Accademia”– Daniela Villani

Un progetto di collaborazione tra politica e istruzione dalla durata di circa due mesi, che mira alla sensibilizzazione e alla civilizzazione dei cittadini attraverso iniziative di riqualifica del territorio e place identity, nonché allo sviluppo di un maggiore “spirito di accoglienza” da far percepire ai turisti della città partenopea.

Armati di buona volontà e alto senso civico, gli studenti saranno alle prese con panchine, fioriere, rastrelliere per biciclette, cestini, e totem informativi :

“E’ un accordo di marketing territoriale con l’Accademia – dichiara l’assessore Villani – che vedrà i ragazzi cimentarsi con diversi obbiettivi. I totem non saranno destinati solo alle informazioni turistiche ma anche all’educazione civica con slogan che proporrano comportamenti positivi.”

Le panchine offriranno comodità e un esemplare, come anticipa l’assessore, sarà di colore rosso, simbolicamente contro la violenza sulle donne. I cestini favoriranno la raccolta differenziata dei rifiuti e le rastrelliere suggeriranno l’uso della bici per ridurre l’inquinamento atmosferico. Le prime zone in cui sarà attuato il progetto saranno le “nuove centralità” come Ponticelli e San Giovanni a Teduccio.

Entusiasta anche Il direttore pro tempore dell’ Accademia prof. Gaeta, che dichiara:

“Questa è solo una delle attività portate avanti con l’amministrazione comunale negli anni. Il presupposto è che le realtà pubbliche collaborino e costruiscano una sinergia virtuosa, coinvolgendo innanzitutto i cittadini, quindi anche gli studenti, in azioni di rigenerazione del territorio per il recupero estetico e funzionale dei luoghi in cui viviamo. Il contesto diventa oggetto di intervento diretto e attivo della creatività dei ragazzi.”

Rosaria Ferrara

NESSUN COMMENTO