La tensione per la partita tanto attesa con il Real Madrid in Champions League è stata la maggior protagonista nella prestazione degli azzurri che, però, hanno comunque messo in cassaforte tre punti preziosissimi contro il Genoa.

Il primo tempo trascorre senza particolari sussulti. Pochissime le occasioni per il Genoa e per il Napoli che sembra subito poco aggressivo ed un pò slegato nei reparti. Palpabile la prevedibile tensione dei calciatori in vista della storica partita di mercoledì in Champions League contro il Real Madrid. Molte le imprecisioni, sia negli ultimi trenta metri che in difesa, dove Koulibaly, al ritorno da titolare dopo la parentesi di Coppa d’Africa, non ha brillato.

Nel secondo tempo la storia cambia. Passano appena cinque minuti ed gli Azzurri sbloccano il risultato: inserimento dalla sinistra di un ispiratissimo Mertens, ribattuta della difesa rossoblu sui piedi di Zielinski che con un gran tiro insacca il goal dell’1-0.

Zielinski esulta dopo il goal al Genoa

Gli ospiti reagiscono e lasciano al Napoli il predominio in ogni zona del campo e Mertens si esalta con giocate di altissimo livello, come in occasione del raddoppio: il Belga si incunea nel cuore della difesa e, con difesa scoperta, serve un prezioso assist per Giaccherini che insacca un pallone davvero semplice. Messo in cassaforte il raddoppio gli azzurri iniziano a tirare i remi in barca e conservare energie preziose. Scontate le sostituzioni di Hamsik, Giaccherini e Mertens per gli ingressi di Allan, Rog e Pavoletti in rapida successione.

Un San Paolo entusiasta acccompagna la squadra azzurra verso la fine del match ed al saluto ai propri beniamini verso la prossima affascinante partita attesa per ben trenta anni.

Le pagelle

Reina 6. Consuma energie solo per le esultanze ai goal dei propri compagni

Maggio 7. Esempio di professionalità. Gioca pochissimo, dando sempre il massimo in ogni occasione che gli viene data. Meriterebbe maggior considerazione da parte del tifo azzurro.

Koulibaly 6. Inizio gara timido ed impacciato. Come un diesel, in questa partita gira meglio a regime.

Albiol 6,5. Invalicabile. Si lancia in qualche sortita offensiva in più.

Ghoulam 6,5. Inarrestabile sulla sua fascia sfiora il goal su calcio di punizione.

Hamsik 6,5. Continua il suo grandissimo momento di forma.

Zielinski 7. Gran bel goal a coronamento di una splendida gara.

Diawara 6,5. Personalità da veterano. Insieme a Zielinski un futuro da campione assoluto.

Insigne 6. Un paio di conclusioni sfortunate. Nel tridente è quello che convince meno questa sera.

Mertens 7,5. Ancora determinante. Partono da lui le azioni dei due goal.

Giaccherini 6,5. Non fa rimpiangere Callejon. Segna il suo primo goal con il Napoli. Ottimo il suo contributo.

Non giudicabili i subentrati.

Salvatore Annona

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa grammatica vacilla e la lingua trema
Articolo successivoBasta un lampo di Busellato alla Salernitana, il Vicenza cade in casa

Nato a Napoli nel 1975 vi ho vissuto fino ad oggi, senza mai emigrare. Dopo il diploma di geometra, ho conseguito la Laurea in Ingegneria Civile nel 2005 con tesi in Ingegneria Sismica. Ho una splendida famiglia con moglie e due splendidi figli. Attualmente esercito la libera professione e sono membro della Commissione Manutenzione e Recupero degli Edifici Industriali presso L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli.
Curioso sin dalla nascita, ho coltivato diverse passioni come la lettura e la grafica digitale.
Amo immensamente la musica e lo sport (in particolare il calcio ed il tennis).